Archivio Autore: Marco Paolucci

Massimo Barbiero ‘foglie d’erba’

(Autoproduzione 2021) Dolci percussioni accarezzano l’aria. Le marimba, il vibrafono, i timpani, i gongs e gli altri strumenti suonati da Massimo Barbiero ci accompagnano in un rito d’introspezione sulla scia della poesia di Walt Whitman. Il batterista degli Enten Eller e di altre importanti formazioni – tra cui il gruppo di sole percussioni Odwalla – […]

Quattro Chiacchiere Digitali con i rappresentanti del network Nuova Musica

Ho conosciuto il network Nuova Musica l’anno scorso, adocchiato durante il consueto scorrimento dei post sul social Facebook. L’ho considerato un interessante esperimento in ambito artistico, nato dalla forzata inattività musicale, dovuta alla pandemia di COVID-19, che attraversava tutta la penisola. Dopo qualche tempo mi sono, come dire, venute spontanee le mie Quattro Chiacchiere Digitali […]

Quattro Chiacchiere Digitali con Paolo Bragaglia e Leonardo Gabrielli del Museo del Synth Marchigiano

Sono giunto al Museo Del Synt Marchigiano tramite la conoscenza personale di alcuni dei suoi fondatori, deus ex machina e soprattutto “smanettatori” Paolo Bragaglia, Leonardo Gabrielli, Riccardo Pietroni, Agostino Maria Ticino e Daniele Marziali. Ho assistito ad alcuni eventi organizzati dall’associazione e come dire, “abbisognavo” di maggiori approfondimenti. Solite Quattro Chiacchiere Digitali con Paolo Bragaglia […]

Quattro Chiacchere Digitali con l’illustratore Marco Filicio Marinangeli

Marco Filicio Marinangeli è un interessante giovane illustratore conosciuto frequentando eventi dedicati all’illustrazione e al fumetto in quel di Macerata, vedasi alla voce Centro Sociale Sisma. Appena ha pubblicato il volume ‘Il Santo’, con Marco Taddei ai testi, mi è venuta l’idea di un possibile approfondimento sulla sua arte e e la sua poetica. Come […]

Quattro Chiacchiere Digitali con Mirko Santoru della Trasponsonic Records

La Trasponsonic Records è una label italiana dedita alla produzione di musiche per “altri stati di coscienza”, tra psichedelia, trance tribale e ambient viscerale, che da più di venti anni porta avanti un suo preciso disegno sonico-vitale. Le sue produzioni sono state regolarmente recensite su Kathodik, ed era da un po’ che pensavo ad un […]

La Deleuziana Volume 10 ‘Ritmo, Caos e Uomo non Pulsato Per una filosofia Caosmotica’ + USB Card

(Rizosfera 2020) Il collettivo Obsolete Capitalism è transitato in queste pagine digitali qualche giorno fa per una lunga e approfondita chiacchierata (la trovate QUI). Ora ritorniamo “sul luogo del delitto culturale”, come si dice in questi casi, e parliamo della USB card allegata al volume 10 della Rivista filosofica ‘La Deleuziana’, tomo curato dalla piattaforma […]

Quattro Chiacchiere Digitali con Antonio Bacciocchi della Cometa Rossa Edizioni

(nella foto Antonio Bacciocchi con Paul Weller) Antonio Bacciocchi è un musicista, giornalista, storico dei movimenti, editore da qualche tempo. Lo seguo sul suo blog, che consiglio vivamente, e ho deciso di dedicargli le mie consuete Quattro Chiacchiere Digitali. Antonio Bacciocci si è mostrato disponibile a scambiarle e, come sempre, a voi la lettura: Come […]

Inra ‘I Super Liked You By Mistake’

(Inra 2020) Da Berlino un nastro di quelli belli. Inra sono Adam Ben-Nun e Philipp Rhensius, hanno un paio di uscite alle spalle e impiastrano insieme suono (armoniosamente stridente) e parola (ciancicata/soffocata). Un pestaggio notturno di pesante lentezza dub e qualche secca stecca breakbeat. Guitar drones chiaroscurali ed uno svagamento sfatto dalle parti di Bristol. […]

Quattro Chiacchiere Digitali con il fumettista TommyGun Moretti

TommyGun Moretti è un interessante fumettista incontrato tramite collaborazioni in eventi al Centro Sociale Autogestito Sisma di Macerata, e poi tramite il suo lavoro al tavolo da disegno, tra cui il bel volume ‘Sostanza Densa’ da poco uscito e di cui ho chiesto lumi al riguardo. Come non farci le mie consuete Quattro Chiacchiere Digitali? […]

Galya Bisengalieva ‘Aralkum’

(One Little Independent Records/Audiglobe, 2020) Galya Bisengalieva, pluripremiata violinista kazako-britannica, nonché direttrice della London Contemporary Orchestra, debutta con il suo primo suggestivo album dal titolo ‘Aralkum’. L’opera si suddivide in tre parti fondamentali: disastro, calamità e futuro, e muove i suoi passi dalla sciagura ambientale avvenuta ai danni del lago d’Aral in Kazakistan. Si tratta […]