Archivio Tag: Neuma Records

Roger Reynols ‘For a Reason’

(Neuma Records 2023) Il compositore americano Premio Pulitzer Roger Reynols, alla soglia dei 90 anni si mostra più vitale che mai, ed esce con questo nuovo doppio cd, per la Neuma Records, che raccoglie tre decenni di composizioni dedicate alla musica contemporanea e al mondo in cui questa interagisce con il mondo degli ascoltatori. I […]

Aaron Jay Myers ‘Late Night Banter’

(Neuma Records 2023) Composto da brani scritti nell’arco di una decina d’anni questo album di Aaron Jay Myers mostra la sfaccettata capacità compositiva del chitarrista bostoniano, capace di passare attraverso una miriade di generi musicali diversi, dalla classica, al jazz, al metal, all’improvvisazione radicale, mantenendo costante una propensione alla ricerca e soprattutto al divertimento, di […]

Intervista con Philip Blackburn, compositore, direttore della label Neuma Records

La Neuma è un’etichetta discografica americana che già da qualche anno ha attirato l’attenzione dei redattori e dei lettori di Kathodik, e che è subito entrata in sintonia con le coordinate musicali che solitamente trovate nelle nostre pagine digitali. La label è dedita da molti anni alla scoperta e alla valorizzazione della musica classica contemporanea […]

Interview with Philip Blackburn, composer, director of the label Neuma Records

Neuma is an American record label that has attracted the attention of Kathodik’s editors and readers for a few years now, and that has quickly become attuned to the musical coordinates usually found in our digital pages. The label has been dedicated for many years to the discovery and appreciation of contemporary classical and electroacoustic […]

Evan Ware ‘The Quietest of Whispers’

(Neuma Records 2023) A ulteriore riprova della vivacità della produzione contemporanea americana per compagini orchestrali, giunge questa nuova pubblicazione della Neuma Records, che ci presenta le prime due sinfonie del compositore (nonché teorico della musica) Evan Ware, scritte tra il 2014 e il 2019. Nessuno dei due lavori segue lo schema formale classico della sinfonia, […]

P. Ben-Haim et al. ‘Composing Israel: The First Three Generations’

(Neuma Records 2023) Questa nuova produzione discografica targata Neuma Records ci offre uno spaccato significativo, ancorché inevitabilmente parziale, della musica di tradizione classica composta da autori israeliani a partire dalla quarta decade del Novecento fino ai nostri giorni. Non poteva ovviamente mancare Paul Ben-Haim, presente con una breve quanto incisiva toccata per pianoforte, posta simbolicamente […]

Agnese Toniutti ‘John Cage: Sonatas & Interludes’

(Neuma Records 2023) Come tutti (quanto meno tra gli appassionati di musica del Novecento, in special modo americana) sanno, la produzione di John Cage risalente agli anni Trenta e Quaranta del secolo scorso è ben diversa da quella successiva alla svolta Zen degli anni Cinquanta. La seconda, giustamente connotata come aleatoria, traduce in note una […]

William Duckworth ‘The Time Curve Preludes’

(Neuma Records 2023) Mi ero imbattuto in una manciata di preludi pianistici del compositore americano William Duckworth (1943-2012) qualche anno fa (in particolare, grazie a una incisione delle sorelle Labeque dedicata alla musica minimalista), rimanendone fin da subito colpito e ammaliato. Da allora, ho sperato che ne fosse realizzata una nuova ed esaustiva registrazione – […]

Galan Trio ‘Kinesis’

(Neuma Records 2023) Ennesima prova che una delle capacità degli artisti è quella di lavorare creativamente pur sottostando a limiti autoimposti o dettati da contingenze esterne, questo doppio Cd della Neuma presenta composizioni originali composte da autori provenienti da università americane, cui l’intraprendente Galan Trio – al secolo, Petras Bouras, Babis Karasavvidis, Marina Kolovou, rispettivamente […]

Timothy McAllister ‘Project Encore Vol.1’

(Neuma Records 2022) Lo confesso: non sono mai stato un grande amante dei bis. Nella maggior parte dei casi mi sembrano un inutile prolungamento di un concerto che ha già raggiunto la sua compiutezza, quando non una (seppur esile) minaccia alla coerenza del programma eseguito. Che dire, tuttavia, di un programma costituito interamente da bis? […]