Archivio Tag: Noise

Princess Thailand ‘And we shine’

(À tant rever du roi/Luk 2020) “And we shine” è il secondo disco di questo gruppo francese, a due anni dall’esordio. I Princess Thailand si esprimono con un’intrigante miscela di post-punk, no wave e noise. Spesso robotici e schematici evocano in molte occasioni alcune ambientazioni dei primi Killing Joke e Bauhaus. Tuttavia, la voce femminile […]

Christine Ott ‘Chimères (pour ondes Martenot)’

(Nahal Recordings 2020) Attraverso il mitico strumento Ondes Martenot la compositrice Christine Ott costruisce un mondo sonoro che si esplora passo passo o meglio brano brano. Dall’iniziale Comma “ambient in divenire” che fornisce le coordinate di ascolto dell’opera si entra nella progressione di Darkstar un crescendo fluido che presagisce a scenari inquietanti e mai pacificati; […]

New Primals ‘Horse girl energy’

(Learning curve 2020) “Horse girl energy” è l’esordio dei New Primals, trio di Minneapolis che si esprime con un nu-metal-punk-noise-grunge vorticoso e che non fa sconti a nessuno. In mezz’ora il trio mette in fila dieci brani carichi all’inverosimile taglienti, aggressivi e tesi. La tensione, infatti, è il tema portante di questo lavoro, questa, infatti, […]

Mutter ‘Du Bist Nicht Mein Bruder’

(Die Eigene Gesellschaft 2020) Ristampa in doppio vinile per la terza uscita datata 1993 (originariamente su What’s So Funny About) dei berlinesi Mutter. Batteria/chitarra/basso/voce per un annichilimento totale che del rock resta ben poco. Di base il cavallo di Troia è quello, il resto è sfascio e degrado morale nella Germania post-muro. Grovigli distorti, rumorosi […]

Ken Ganfield, Kurt Liedwart, Petr Vrba ‘Something Wrong There’

(Mikroton 2019) Alle prese con elettronica e sintetizzatori, i tre componenti di questo trio propongono quello che dice nome stesso del disco: qualcosa che non va. I titoli dei due lunghi brani in cui esso si articola sono ancora più espliciti: Unbearable e Nauseating. Certamente (o almeno suppongo!) si tratta di autoironia. Ma è significativo […]

Daydream ‘Daydream’

(Noja Recordings 2019) Come a suo tempo il grande pensiero classico ellenico, così il rock chitarristico alternativo, rumoroso e ruminante ha trovato fin dalla fine degli anni Ottanta in Sicilia terra fertile e foriera di ramificazioni e sviluppi. Il chitarrista e qui cantante Enzo Pepi ha militato nei Twig Infection ed è ancora oggi un […]

PinioL ‘Bran coucou’

(Dur et Doux/L’Autre/Inouie 2018) Nati dalla ceneri e dall’unione spontanea di due band (Poil e Ni), i sette PinioL, francesi di Lione, hanno trovato il giusto equilibrio, affiché tutte le sensibilità del gruppo venissero espresse, vale a dire: noise, jazz, avant-rock, math. Il sound che emerge da questi sette brani, è tanto compatto, quanto sperimentale […]

Bushi ‘武⼠’

(Dischi Bervisti 2017) I Bushi sono un trio capitanati dal polistrumentista e neo membro di Bologna Violenta, Alessandro Vagnoni, che si ispirano all’epopea dei Samurai, caratterizzato dalla contraddizione tra fierezza e disonore, raffinatezza e crudeltà, prestigio e decadenza. Gli otto brani in scaletta sono brevi componimenti in versi, sostenuti da un sound che trova i […]

Daniele Brusaschetto ‘Demo ’17’

(Autoproduzione 2017) Promesso e fatto, era da tempo che Brusaschetto diceva di voler spennare con il piglio delle origini. Dunque, ecco quattro pezzi di metal evoluto, composti sul finire degli ottanta/primi novanta, distanti chilometri dalle sperimentazioni cantautoriali cui ci aveva abituato. Il cappottino in tinta al nostro tempo, contribuisce a darglielo il lavoro in sala […]

Maledetta Dopamina ‘Maledetta Dopamina’

(Dischi Bervisti/I Dischi del Minollo/Moquette/Koe 2017) Questo trio ha una composizione poco ortodossa, essendo formato da due batterie e da un basso. Questo è il loro esordio e hanno le idee molto chiare su qual è il loro percorso musicale. Cresciuti con la crema del noise di matrice Usa a cavallo tra gli anni ’90 […]