Archivio Tag: Cecil Taylor

Marcus Müller ‘Free Music Production FMP: The Living Music’

La FMP Free Music Production è stata una delle più importanti label discografiche nel campo della musica Free Jazz europea. Nata a Berlino dalla volontà degli musicisti tedeschi Peter Brötzmann e Jost Gebers di avere il completo controllo artistico delle loro opere, ha iniziato l’attività nel 1969 con la produzione di artisti che hanno contribuito […]

Cisco Bradley ‘Universal Tonality: The Life and Music of William Parker’

William Parker è un musicista che si è ritagliato uno spazio importante nella storia della musica Jazz e Contemporanea. Personalità carismatica, autore prolifico che ha al suo attivo circa 50 pubblicazioni come leader e svariate altre come collaboratore, con progetti che comprendono formazioni variabili fino ad un’intera orchestra. Dal 1980 al 1991 ha fatto parte […]

Cecil Taylor, Tony Oxley ‘…… being astral and all registers – power of two……’

(Discus Music 2020) Questo album proviene dagli archivi del batterista Tony Oxley e presenta la registrazione di un live del duo Taylor, Oxley all’Ulrichsberg Festival, il 10 maggio del 2002. Due composizioni, being astral and all registers e power of two, per circa un’ora di set. Un set infuocato che mi ha ricordato un concerto […]

ICP Septet + Joris Roelofs, Terrie Ex, Mara’s Pianola ‘Komen & Gaan’

(ICP 2021) In 54 anni di vita l’etichetta jazz olandese non ha prodotto moltisimi dischi. Si tratta di una scelta oculata, in quanto la politica della ICP è quella di pubblicare soltanto dischi che sono ritenuti molto speciali, va sottolineato che hanno stampare lavori con Sonic Youth, Getatchew Mekuria, Cecil Taylor tra i tanti e […]

Nicola Guazzaloca ‘Tecniche Arcaiche Live at Angelica’

(AUT Records/Amirani Records 2015) “Come stabilire il momento esatto in cui comincia una storia? Tutto è sempre cominciato già prima”. La citazione da Se una notte d’inverno un viaggiatore di Italo Calvino che compare all’interno della confezione di questo cd descrive a meraviglia un’essenziale qualità dell’improvvisazione. Essa è sì “inizio dell’inizio”, come dice Jankélévitch, perché, […]