Archivio Tag: 2017

Philip Corner “Gamelan COMING & GOING”

(ANTS Records 2017) “Gamelan COMING & GOING” è una composizione scritta nel 1983, registrata 2 anni dopo, e ideata all’origine per essere eseguita anche da un ensemble gamelan, essendo stato Philip Corner acuto studioso della tradizione musicale indonesiana, nonché di tutto lo spettro della cultura asiatica. Il suddetto lavoro, mai udito prima, entra quindi a […]

Cookie Tongue ‘Orphan Arms’

(Eh? 2017) Ristampa su nastro della seconda uscita per i freaks newyorkesi, Cookie Tongue. “Orphan Arms”, registrato e mixato da Martin Bisi con il mastered di Fred Kevorkian, offre ampie soluzioni di weird art sound. Dieci tracks zuccherose di multicolore decadenza, tormentate da noie di voci e coretti, ampio bagaglio strumentale a disposizione (voci / […]

Adern x ‘Summer Twilight Autumn Dawn’

(Xevor Record 2017) “Summer Twilight Autumn Dawn” prende vita nel 2013 come lavoro destinato all’ascolto radiofonico. L’idea di fondo: rappresentare con un impasto di suoni pescati ogni-dove dal mondo circostante quello spicchio temporale che intercorre tra gli ultimi bagliori estivi e i primi accenni d’autunno. La Xevor decide di pubblicarlo postumo su cd-r limitato, contribuendo […]

Werner Durand ‘Schwingende Luftsäulen’

(Ants Records 2017) Ad un primo ascolto le sensazioni iniziali sono state di tangibile difficoltà, entrare in contatto con questo lavoro di Werner Durand richiede giusta, meritata concentrazione. Passano i giorni, rimesso il cd nello stereo durante un quieto pomeriggio di afosa estate, quando gli unici rumori a farmi compagnia sono il cinguettio degli uccelli […]

Piero Delle Monache ‘Road Movie. Live Music 2012-2017’

(Da Vinci Records 2017) L’idea è suggestiva. Un album fotografico in suoni, o meglio: un album sonografico. Ovvero, appunto, un diario di viaggio attraverso nove immagini musicali. Immagini che ritraggono la personalità di un musicista che, nel suo tour attraverso l’Italia (Roma, Pescara, Chieti) e nel mondo (Osaka, Johannesburg, Istanbul) propone, in situazioni artistiche diverse […]

Paolo Paliaga, Roberto Plano ‘Inspiration. Improvisations for two pianos’

(Da Vinci Classics 2017) Cosa succede quando un pianista che proviene dal jazz come Paolo Paliaga incontra un pianista di formazione classica quale Roberto Plano? La risposta ce la fornisce questo bellissimo Cd della Da Vinci, che raccoglie il frutto della loro collaborazione, concretatasi in numerosi concerti e, ora, in questa registrazione. Paliaga e Piano […]

Biscione, Cara, Coggiola ‘Trio’

                      (Da Vinci Classics 2017) Intorno alla metà del secolo scorso, il compositore torinese Sandro Fuga sosteneva che la personalità di un compositore può emergere solo lavorando su parametri armonici, melodici, ritmici, e formali. Devono esserne ben consapevoli gli autori delle opere cameristiche raccolte in […]

Andrea Massaria – Clementine Gasser ‘The Spring of My Life’

(Amirani Records 2017) Singolare lavoro sperimentale quello del duo Andrea Massaria, (chitarre, elettronica ed effetti) e Clementine Gasser (violoncello a cinque corde), che hanno musicato dodici Haiku del famoso poeta Kobayashi Issa, reinterpretando questi affascinanti frammenti poetici attraverso una musica ricercata, ricca di effetti e di atmosfere. ‘The Sring of My Life’ è un Cd […]

The Star Pillow ‘Symphony For Intergalactic Brotherhood’

(Boring Machines 2018) Una serie di tracce impro, chitarra/effetti, registrate e mixate in casa. Tra chiaroscuri di corde in sollecitazione ambient-pastorale (My Dear Elohim), la serenità di una gelata invernale in silenzioso scioglimento (la cellula folk espansa di An Iinterstellar Handshake), particelle di materia in collisione amplificata (attriti e stridori), nella conclusiva e più imbronciata […]

Dream Weapon Ritual ‘The Uncanny Little Sparrows’

(Boring Machines 2017) I piccoli passeri inquietanti di titolo, copertina e (bel) libretto fotografico del nuovo lavoro del duo Simon Balestrazzi / Monica Serra, son piccoli pennuti in volo su sfondo cielo grigio e terra sbiancata/calcificata dal morso del calore. Dove l’osservazione desolata del circostante si dipana in un lungo tormento free-form (l’iniziale Bird Mother […]