Archivio Tag: Improv

Trio Quater ‘Trio Quater’

(Easy Finger 2017) Tre chitarre (classiche e acustiche), a darsele di santa ragione fra composizione e passaggi improvvisativi. Le coordinate, son quelle di un’alternanza tra un rilassato suono folk leggermente cotto dal sole ed evoluzioni latineggianti a maggior caratura virtuosistica. Fra Appalachi e attimi d’introversione da bruma europea sicuramente il bel fascino dell’opener The Wizard, […]

Astma/Meanza ‘Raw Volumes’

(Aut Records 2017) Il sound designer italiano Bob Meanza (elettronica e sintetizzatori) e il duo Astma, composto dai russi Alexei Borisov (sintetizzatore e “mixed devices”) e Olga Nosova (batteria e vocals), sono gli autori delle sette composizioni di questo album, che riesplora e ripropone il sound dei sintetizzatori analogici di qualche decennio fa, offrendo una […]

uBiK ‘Anything You Don’t See Will Come Back To Haunt You’

(Fratto/9 2017) Quattro seducenti nebulose fra il siderurgico e l’astrale. Chitarra filtrata/trattata in real time e una luce intermittente che s’intravede appena in fondo al tunnel (ma c’è, e non è poco). Industrial attutito, noise trattenuto, processi di stratificazione granulare, un quieto refolo pastorale sperso fra i detriti (Every Picture Is A Fossil), un romantico […]

Three Free Radicals ‘travelogue’

(Improtest 2017) Si muove sinuoso tra suggestive atmosfere avantgard-lounge questo album del duo americano-estone formato da Scott L. Miller (qui al Kyma: uno degli ultimi ritrovati per il sound design) e Mart Soo (chitarra ed elettronica). I soundscapes generati elettronicamente si offrono come base fluida su cui si proiettano le idee della chitarra, tra free […]

Le Cercle du Mallissimalistes ‘Faustina M. Todesco – I tre angoli del continente’

(Mallissimaliste 2017) Seguendo le indicazioni delle note di copertina, ‘I tre angoli del continente’ è un disco consistente dell’interpretazione dell’omonima composizione in 4 movimenti, opera di Faustina M. Todesco, da parte di un ensemble che prende il nome di Le Cercle des Mallissimalistes. L’ensemble è composto da 4 musicisti, Bernardt Pauillac, Krzysztof Skapiec, Nestor Désiré […]

A Sphere Of Simple Green ‘With An Oblique Glance’

(Azoth 2017) Torna a farsi sentire dopo sei anni (il precedente “Untitled Soundscapes” su Magick With Tears era del 2011), il trio impro/elettroacustico A Sphere Of Simple Green. Adriano Orrù (contrabbasso), Silvia Corda (piano preparato, toy piano, glockenspiel) e Simon Balestrazzi (live electronics, nastri, oggetti), si producono in otto composizioni istantanee, ricche di arcaico approccio […]

Massimo Olla ‘Structures’

(Azoth 2017) Prima uscita col proprio nome dopo quattro album sotto il moniker Noisedelik per lo sperimentatore cagliaritano Massimo Olla. “Structures”, è insieme di metalli, legni, plastiche, voce trattata ed effetti. Dove la materia viene assemblata in ispirato processo autoproduttivo (strumenti creati da Olla come il [d]Ronin, vengon apprezzati e utilizzati da musicisti sparsi per […]

L’Ocelle mare ‘Temps en terre’

(Murailles Music 2017) L’Ocelle mare è il nome del progetto solista del polistrumentista autodidatta Thomas Bonvalet, precedentemente bassista e chitarrista della band Cheval de Frise (1998-2004). Come spiegano le liner notes a ‘Temps en terre’, disponibili sull’apposita pagina web, a partire dall’uso di questi strumenti (basso, chitarra) Bonvalet ha progressivamente ampliato l’organico del proprio progetto […]

Paulo J Ferreira Lopes / Karoline Leblanc ‘Kumbos’

(Atrito-Afeito 2017) Minuscoli congegni elettrici in ronzante movimento, bave di synth e nastri in scorrimento manipolatorio (Ferreira Lopes). Piano, field recordings, organo e harpsichord la Leblanc. La consuetudine per la label del Québec, ma l’intreccio esposto fra rigori avant-elettroacustici e suggestioni classico/cameristiche, funziona e non ammorba, in virtù di un rodato approccio tendente all’essenziale e […]

VipCancro ‘Uno’

(Lisca 2017) Torna a farsi sentire dopo qualche anno di assenza (il precedente ‘Gamma’ era del 2013), il quartetto sperimentale toscano VipCancro. Che poi durante questo tempo, tra fasi soliste (Andrea Borghi), edizioni limitate (le 60 copie di “Waxworks” o le 43 del nastro condiviso con Simon Balestrazzi) e qualche variazione sul tema (il progetto […]