DROPP ‘Patterns’

(White Forest Records 2016)

Progetto di alta qualità e di respiro (si, proprio respiro: All Past Paths) internazionale, questo DROPP.
Quattro figure paciose o allampanate – Giorgio Sarno, Stefano Venegoni, Tommaso Laterza, Francesco Sansalvadore – da Torino con (poco) vocoder che producono sbuffi “elettrosoul” freddo/caldi (All Future Paths), incalzanti vampate “buriali” subalpine (Anything Goes), gelide melodie che tutta l’Europa al silicio ci invidia (Almagesto).
Portando la nostrana lezione/tradizione Port-royal a minori livelli di verbosità e maggiori livelli di cantabilità, ma non rinunciando a una computeristica ricerca sonora (cfr. Not Done, Ideas) o a occasionali sciabolate da tamarri salottieri (No Induction).
Di grande effetto, ma anche di grande sostanza (dietro Last Sun c’è un’anima, non Holly Herndon)-

Voto: 8

Link correlati:Dropp su Facebook