Yves de Mey ‘Drawn with shadow pens’

(Spectrum Spools 2016)

Mi ricordo di interminabili livelli in quei videogiochi tipo Wolf, Quake, Duke Nukem… avete presente i suoni che accompagnavano quei livelli? Ronzii di tensione elettrica, l’eco degli ambienti desolati, il rumore dell’oscurità e della claustrofobia. Ecco, l’album di Yves de Mey suona come se fosse la colonna sonoro di uno sparatutto. È musica ambient nel vero senso della parola: non arreda o allestisce semplicemente un ambiente, ma lo crea, lo progetta, lo immagina. Consigliato se vi piacciono i labirinti (sonori), le sparate (sonore) e la tensione (sonora).

Voto: 6

Link correlati:Editions Mego Home Page

Autore: gemzen@hotmail.it