Deison / Uggeri ‘In The Other House’

(Old Bicycle Records / Oak Editions / Final Muzik / Grey Sparkle / Loud! 2015)

Nasce senza incontro fisico “In The Other House”.
Scambio,
elaborazione e rilancio sulla distanza Udine/Milano.
Nomi
conosciuti (per chi ha orecchie appuntite) quelli di Cristiano
Deison
e Matteo Uggeri, a condivider la creazione di sei
stanze/ambienti di sinistra eleganza e rarefazione.
Ambient
scricchiolante e descrittiva, solcata da acusticherie sottili (la
chitarra e violino dell’iniziale Fessure (Attic And Stairs) in
quota soundtrack isolazionista/folk alla Labradford, Micro
Drama (The Kitchen)
con il suo loop di basso, la brina pianistica
ed i suoi cupi ronzatori).
Cigolante di field recordings in
sgretolato trattamento digitale – So Detached (Dining Room And
Terrace)
.
Non distante da suggestioni Lustmord, nella
fine polverizzazione di matrici industrial in Stasis (Bathroom) e
nella lunga contemplazione finale di Prelude, Largo (Stairs And
Cellar)
.
Tra fissità dronanti, movimenti materici,
pigolamenti digitali e sospensioni (una briciola di “Zamia
Lehmanni” nelle orecchie e la necessità di mantener fin
che si può, sbarrata quella dannata porta).
Le stelle in
alto, se ne fregano di quel che succede a terra.
Deison e Uggeri
ce lo ricordano con asciutta efficacia.

Voto: 7

Link correlati:Final Muzik Home Page