The Forty Moostachy ‘Three rooms, some songs. The show and a suitcase full of bones’

(Black Nutria 2009)

The Forty Moostachy è un trio vicentino attivo da sei anni, formato da Luca (chitarra, voce) Gio (basso) e Nesh (batteria).
Il gruppo è partito con un repertorio con evidentissimi riferimenti allo stoner, ma col passare del tempo ha scoperto la passione per il blues.
in poco più di cinquanta minuti i veneti ci portano nei deserti californiani e dimenticano e fanno dimenticare le loro origini della Pianura Padana. La psichedelia poi è l’altro essenziale ed imprescindibile ingrediente, che ogni stoner band che si rispetti deve avere, e allora vai con le dilatazioni messe in quasi tutti i brani, ma mai in eccesso. Sì, perché piuttosto il trio vira verso le dodici battute, su tutte spicca il folk-blues delle origini di The man is running fast. Le citazioni dei classici del genere sono inevitabili, ma The man on the motorcycle sembra un out-take di “Wretch” dei Kyuss e Jimmy the cat non stonerebbe in “Songs for the deaf” delle regine dell’età della pietra.
Insomma se questa estate avete voglia di stonarvi con roba di ottima qualità, questo disco fa per voi.

Voto: 8

Link correlati:The Forty Moostachy Home Page