MURATO

Programma di novembre del Club 74 di Bologna

unhip records e città del capo radio metropolitana
presentano:

MURATO

al COVO CLUB, Viale Zagabria 1, Bologna tel/fax 051 505801
bus numero 20 fermata “san donnino” – uscita tangenziale numero 9
info@unhiprecords.com  –  www.covoclub.it
apertura ore 22:00
i concerti termineranno entro le 00:30!!

mercoledì 9 novembre 2005
AKRON/FAMILY (le imperdibili suggestioni folk macchiate da field recordings ed elettronica del quartetto autore del disco dell’anno, da brooklyn NY/young god records)

+ EGLE SOMMACAL (l’ex-massimo volume presenta i brani per sola chitarra contenuti sul disco solista d’esordio di prossima uscita, da bologna/unhip records)

 

martedì 16 novembre 2005 
SCOUT NIBLETT (accompagnata dal batterista degli shellac todd trainer arriva in italia la fascinosa cantautrice britannica, too pure/secretly canadian records)



venerdì 18 novembre 2005
THE DEATH OF ANNA KARINA (release party del loro nuovo lavoro “new liberalistic pleasures” in uscita su unhip records, una delle bands più potenti dal vivo)

+ AFRAID! (una delle più interessanti nuovi formazioni italiane, da verona)

 

mercoledì 23 novembre 2005
CONSTANTINES (per la prima volta in italia il progetto di synth-electro-pop analogico di jason amm, da toronto, ghostly international/suction records/morr music)



mercoledì 30 novembre 2005 
SWEARING AT MOTORISTS (finalmente in italia i concittadini dei guided by voices con la loro miscela di lo/fi-blues-folk, da dayton ohio, secretly canadian records)


 

note biografiche:

 

 

mercoledì 9 novembre 2005

 

AKRON/FAMILY

 

La formazione rivelazione dell’anno arriva in per la prima volta in Italia!!!

 


“Michael Gira è persino più geniale oggi che fa anche il discografico di quando girava unicamente con gli Swans. Non bastassero le sue uscite con gli Angels of Light… scopre e lancia musicisti che si rivelano spesso autentici maestri. Dopo Devendra Banhart sarà forse la volta degli Akron/Family, quattro musicisti di evidente origine nordeuropea (Dana Janssen alla batteria, Miles Seaton al basso, Seth Olinski a chitarra e banjo, Ryan Vanderhoof a chitarra e voce) che si sono spostati a New York in cerca di fortuna. L’ambito in cui si muovono è a metà tra il free folk alla Animal Collective e la tradizione acustica, giusto per dare un’idea sommaria di quanto propongono. Sono quindi ballate country e folk eseguite in punta di chitarra acustica e voce alta fino al falsetto che vengono occasionalmente disturbate da soffici rumorismi elettronici o paraelettronici; tra i collaboratori ci sono difatti, oltre allo stesso Gira, anche i due Nmpering Bhob Rainey e Greg Kelley e il trombettista Nate Wooley dei Blue Collar (vedi BU#76) che fiatano e distorcono come sanno.

Delicatezze country (Before and Again, Suchness, Italy) si alternano a folk rock (Afford, la bellissima Running, Retarding), esperimenti stralunati (Ak Ak Was the Boat) e un pò di miele che guarda all’universo pop (Sorrow Boy, con i suoi archi romantici e il suo umore dolciastro, mieterà vittime nell’adolescenza più pura, e così Shoes e Franny), il cantautorato intimista (Donovan, Fred Neil, echi dei Sodastream) e i cori westcoastiani (Crosby, Stills, Nash & Young) con una gran voglia di restare nel mondo di oggi, come dimostrano proprio quegli scarti di suono e quelle sporcizie digitali che nella prospettiva, inutile nascondere, vorremmo molto più presenti. Classicismo che sa tenersi aggiornato: la Akron/Family farà molta strada”,

(8) Stefano Isidoro Bianchi, Blow Up # 83, Aprile 2005.

 

sito ufficiale:

 


 

info e pagina del gruppo sul sito dell’etichetta:

 


 


 

foto ad alta definizione: 

 


 

file audio:

 


 

 

 

EGLE SOMMACAL

Egle Sommacal è stato autore e chitarrista del seminale gruppo dei Massimo Volume. Terminata l’esperienza del gruppo con lo scioglimento, Sommacal ha fatto parte come chitarrista della formazione francese degli Ulan Bator e ha suonato la chitarra in svariati progetti, da Moltheni al reading di Wu Ming 2. Nel concerto del Covo presenterà le proprie nuove composizioni da solista, che lo confermano come uno dei più talentuosi e raffinati chitarristi italiani, in uscita per l’etichetta bolognese Unhip records.

 

 

martedì 15 novembre 2005

 

SCOUT NIBLETT



Scout Niblett records with Steve Albini, has toured with Cat Power, and reduces audiences around the world to jibbering wrecks with the sheer force of her performances. A pretty girl in a wig, playing the drums and singing so loudly and gleefully it sounds like her lungs might burst: ‘It’s all for you!’ she yelps onstage, like a kid offering a present of slugs and petals and drawings. It’s all for you!


It’s not so surprising that she plumped for Scout as her alter-ego, after watching the film of Harper Lee’s ‘To Kill A Mockingbird’: ‘I fell in love with Scout and I fell in love with Gregory Peck’ she says with a grin. Peck reminded her of her dad, and Scout obviously reminded Emma of herself. Growing up in Staffordshire in the ’70s, Niblett saw in Scout a smart, brave kid taking risks and having adventures. ‘I’ve always been quite determined. And I’ve had to be independent cos I left home quite early. And I’m an only child, so that makes me self-reliant I think?’


Scout gave up piano lessons when she was nine, because she says, ‘I didn’t want to learn other people’s songs’, and when she was nineteen she took herself to an arts college in Nottingham (‘like the kids from Fame but without the legwarmers’). In 1999 she hooked up with drummer Kristian Goddard, and released her rare-as-hen’s-teeth debut album ‘Sweet Heart Fever’ on Secretly Canadian in 2001. A split-release EP with Songs:Ohia followed, along with tours with Swearing At Motorists and The Microphones.


‘I’m just making the music I wanna hear’, says Scout, and you believe her, because you know she’d be doing this whether you listened or not. And why should you listen to ‘I Am’? ‘It’s just an affirmation of life. It’s about loving your life, really loving being alive. And with that, the celebration of death. Basically.’


Basically.


So this is Scout Niblett’s second album. It took just four days to make, at Steve Albini’s Electrical Audio studios in Chicago, where Scout and her musicians (Chris Saligo and Pete Schreiner) recorded by day and slept at night (‘they’ve got bunk beds, like a dorm!’). ‘I Am’ is recorded by Steve Albini because, as Scout says, ‘I knew it was going to be heavily drum orientated and he’s king of drum sounds’.


He’s also the man who’s made records with Nirvana and the Pixies, and ‘I Am’ has that same ‘Where Is My Mind’-style, full-throttle power. Scout kicks and squeals and coos her was through all thirteen tracks on the album. You’d never have guessed that she lost her voice midway through recording: ‘I was shit-scared, because it kept being postponed, and then we were finally there, and I realised I was with Steve Albini, and I thought, oh my God! That was my dream! If anyone had told me five years ago I’d be doing something with him, I’d have laughed. It was just too much!’


The album is, of course, a delicious melt of Scout’s voice and songs, and Albini’s raw, crunchy production. Given that most of the songs are just voice and drums or voice and guitar, it’s unlikely you’ll have heard anything like it before. ‘It’s quite a bold thing to do for me. And it’s so basic and simple, but I feel so empowered by doing it. I feel like I can sing anything.’


So here are some of Scout’s favourite tracks.


No-one’s Wrong (Giricocola) [minimal layers of guitar build to a climax, with Scout yelling, ‘Reach out for a song!’] ‘This is how I write a song, reaching out. I’m ecstatic when it’s coming out. I don’t understand it, it’s like magic really.’


In Love [clipped drumbeats, stubby, Urge Overkill-style guitar plucks, the line ‘Hey America’ sung softly] ‘I adore America, and I feel a bit embarrassed that I’m so fanatical about a place. It just really stimulates me, I get so excited by it.’


12 Miles [A spooky weave of clear guitar notes, vocal is sexy, sighed: ‘I have this body. It means you can touch me’] ‘It’s about realising that your body isn’t who you are, it’s something you’re using as a vehicle, and it’s amazing, it’s amazing to have a body’.


Your Beat Kicks Back Like Death [Just a drumbeat, Scout chirpily singing, ‘We’re all gonna die! We’re all gonna die!’]


‘Ooh this is my favourite one. This was written when I was on tour, and we were in a car, while it was raining, and we saw two accidents, within a mile of each other, cars just sliding off the road. And I really felt like we were going to die. It struck me suddenly we are ALL going to die and we can’t control when or how…and most of what we do is about trying to ignore dying, but facing it feels really empowering to me. Feeling really alive, and the celebration of death, are symbiotic to me.’


Is this what she’s always wanted to do’ ‘Well I recently found this work we had to do in school when I was about seven, that said, When You Are 30, What Will You Be’ And I had written I’d be a musician and married to a composer! I think you just know when you’re a kid. The seed’s there. I do this cause I have to. It doesn’t feel like there’s a choice in it. It’s a good job I love it.’

sito ufficiale: http://www.scoutniblett.com

 

sito della sua nuova etichetta: http://www.toopure.com/scoutniblett

 



mp3 gratuiti:

 


 


 


 


 



 foto ad alta definizione:

 


 

 

 

venerdì 18 novembre 2005

 

THE DEATH OF ANNA KARINA


I Death Of Anna Karina nascono dalle ceneri degli Inedia (una hc band che suonava brani potenti ed aggressivi cantati in italiano). Preso contatto con l’etichetta di culto del panorama emoviolence italiano, la Heroine records, decidono di entrare in studio nella primavera del 2002 per registrare l’ album in diretta sotto la supervisione di Giulio, chitarrista e mago dei suoni della notoria band italiana ‘One Dimensional Man’. Essendo alcuni membri del gruppo dei ferventi cinefili, viene deciso che il nuovo
lavoro si dovrà intitolare “(the death of) Anna Karina” prendendo ispirazione da una sequenza cinematografica interpretata dall’attrice di origini danesi Anna Karina in ‘Vivre sa vie’. Questo film del 1962 venne diretto dall’allora marito di lei, il regista, critico e provocatore politico della nouvelle vague Jean-Luc Godard. Una volta terminate le
registrazioni Inedia decidono di fare tabula rasa del passato e trasfigurarsi in The Death of Anna Karina. Attualmente i d.o.a.k si considerano un collettivo di 5 persone aperte alla sperimentazione continua, figli della musica hc che hanno amato, ma meticolosamente rivolti all’abbattimento di qualsiasi pretesa o referenzialità di genere.
Il disco omonimo è uscito nel settembre del 2002, riscuotendo anche all’ estero recensioni favorevoli. Dopodichè hanno cavalcato una discreta attività live in giro per squat e locali, da soli, nei festival o di supporto a gruppi in tour nella penisola. Dopo varie uscite su singoli e compilation il loro secondo album è finalmente pronto a vedere la luce, e sarà in vendita per la prima volta proprio al concerto di presentazione al Covo. Nei negozi uscirà a Dicembre, su etichetta Unhip records e distribuzione Wide in italia.

sito ufficiale del gruppo con samples audio/video:


AFRAID!

 


 

 

mercoledì 23 novembre 2005

 

CONSTANTINES

 

The Constantines (Sub Pop). Quintetto canadese che unisce le chitarre affilate dei Fugazi ad una vocalità di vago sapore springsteeniano e all’intensità soul degli Afghan Whigs… Sembrano accostamenti bizzarri, ma credeteci (se già non li conoscete) il risultato è straordinario, questa band farà molta strada, e apettatevi concerti tiratissimi… esce in questi giorni, sempre sulla prestigiosa Sub Pop, il nuovo album, l’ottimo “Tournament of Hearts”. 
 

 



Tournament of Hearts (Sub Pop/Audioglobe)


“Altra band canadese, altra ipoteca per il futuro. A dire il vero i cinque Constantines non sono alle prime armi, avendo alle spalle già due dischi, il secondo dei quali – Shine A Light , di due anni fa – non è passato inosservato. Ma questo Tournament of Hearts sembra frutto di una crescita, e sembra possedere la chiave per coinvolgere più ampie platee, indie rock e oltre: nello specifico un modo peculiare e particolarmente convincente di mettere insieme il ritorno alle atmosfere – e alle soluzioni estetiche, soprattutto – di post-punk e new wave e la tradizione di un rock ben più antico. Un equilibrio tra le parti che si manifesta nella garage band che urla a squarciagola Hotline Operators, nei seguaci dei PIL che appendoon chitarre scheletriche e tastiere al dub nervoso di Love in Fear, ma anche nel passo country di Soon Enough, con il suo trascinarsi pensieroso, nel numero in zona Spiritualized della orchestrale Lizaveta e nella sussurrata e acustica Windy Road. Al di là della varietà dei riferimenti, spunti e divagazioni vengono tenuti a bada da un’asciuttezza davvero invidiabile, che dà compattezza e rende particolarmente efficace la formula”


Alessandro Besselva Averama, Mucchio Selvaggio, Ottobre 2005



 


Shine a Light (Sub Pop/Audioglobe)


“Cos’è un bel disco ‘rock’ negli anni 2000? Shine A Light potrebbe avvicinarsi alla risposta. Le sue dodici canzoni hanno mandato a memoria moltissime lezioni del passato: da quelle lontane e cristalline del sudore rythm’n’blues alla squadratura dei Fugazi, ai cantastorie moderni sporchi di folk e le loro ansie. Distillando queste influenze, i brani vivono di un suono debitore eppure distante da qualsiasi modello o genere.


Ci sono attacchi frontali urlati e laceranti, parentesi avvolgenti di sussurri chitarristici e voci trascinate, sfondi algidi come comanda il correntone new wave e passaggi torridi d’impronta soul. Tutti mischiati, tutti funzionali ad un unico fine: le canzoni e i minuti che occupano. Sono moltissimi gli angoli da cui si può osservare e apprezzare questo disco: la modernità della fusione  o la coerenza della visione, la capacità di scrivere canzoni e non abbozzare atmosfere o l’assecondare elegantemente qualche moda passeggera. In tutti i casi, Shine A Light si difende magistralmente su ogni fronte e si impone come disco fresco e spesso, potenzialmente sommerso e potenzialmente ruffiano. E ascoltarlo diventa un piacere senza condizioni”


(8), Marco Sideri, Blow Up


 

sito dell’etichetta: http://www.subpop.com

 

sito ufficiale del gruppo: http://www.constantines.ca

 


 

 

 

mercoledì 30 novembre 2005

 

SWEARING AT MOTORISTS

Al principio c’era solo un registratore a 4 piste e un duo entusiasta proveniente da Dayton, Ohio: Dave Doughman e Don Trasher. A fine estate ’95 Doughman aveva pronto materiale sufficiente per un intero LP. Il demo giunse alle orecchie di Matt e Jon Fisher, che selezionarono due brani di S@M per la loro prima uscita, la compilation As Seen On TV. Prima ancora dell’uscita ufficiale la Spare Me aveva già pianificato la sua seconda uscita, Tuesday’s Pretzel Night, un EP 7″ contenente 10 canzoni a firma Swearing at Motorists. Dal vivo la scarna registrazione su 4 piste diventava una serie di inni pop spogliati da ogni pretenziosità e proposti con una rozza energia tutt’altro che dimenticata nel rock moderno. Doughman sul palco risultava una sorta di mix spastico fra Prince e Jon Spencer. Il flusso di attività dava intanto la scintilla a un nuovo filone di composizioni, che il duo registrava nell’abitazione di Doughman in Main Street, soprannominata The Rock’n’Roll Bed & Breakfast. Nel 1997 la Spare pubblicava il 12″ su vinile The Fear of Low Flying Clouds, una collezione di toccanti brani che rivelavano un territorio comune con Elvis Costello, i Buffalo Springfield, i Minutemen, Nick Drake e i Cars. Nel ’99 S@M firma con la indie di Bloomington Secretly Canadian, e infrange la tradizione per registrare in un vero e proprio studio l’album More Songs from the Mellow Struggle. A fine 2000 Don Trasher lascia il gruppo, rimpiazzato dal batterista Joseph Siwinski, già nei The Trouble with Sweeney di Philadelphia. Nell’anno e mezzo successivo alla pubblicazione di Number Seven Uptown (2000), il gruppo ha affrontato più di 200 concerti in Europa e Nord America, sviluppando la reputazione di band carismatica ed energica. L’album This Flag Signals Goodbye, registrato da Brian McTear a Philadelphia, è Motorists alla prima maniera, una perfetta combinazione di compatte vignette stadium rock e canzoni d’amore profondamente intime che Doughman esegue con solo chitarra acustica e voce.



mp3:

 


 


 


 


 


 

foto ad alta risoluzione: