The Remote Viewers ‘No Voice From The Hall’

(RV 2016)

Scaracolla veloce nella notte “No Voice From The Hall”.
Con
il sestetto quattro sax, ritmica + sezione rumorista, capeggiato da
David Petts, a badilar d’inedito teso ringhio.
Febbrile e
calcinoso noir atonale, livido e saettante, registrato live in
studio.
Di geometrie rompicollo, ornitologia alterata, detriti
analogici, grumi sfrigolanti, sezioni impro, corde e risonanze,
fissità tonali sostenute, avvitamenti, meraviglie armoniche
(sovrapposte o a incastro) e tracimanti movimenti d’insieme (sul
limitar di un tribale free/industrial).
Rovine sonore, multipli
reagenti ritmici in ispirata performance, il fuori da ogni mischia
circostante della sezione fiati.
Linguaggio unico ed estraneo al
coro quello dei Remote Viewers.
Venti anni di azione sempre
in avanti.

Voto: 8

Link correlati:The Remote Viewers Home Page