Karoline Leblanc ‘Velvet Oddities’

(Atrito-Afeito 2016)

Diciannove brevi tracce di improvvisazione per piano di taglio
cameristico/contemporaneo.
“Velvet Oddities” è
una piacevole digressione rispetto alle astrazioni maggiormente
elettroniche, che l’artista di Montreal ci aveva in precedenza
proposto.
Attimi convulsi che paiono inarcar la schiena fino a
spezzarsi, rattrappimenti e scarse pause riflessive.
Particolarmente
efficace, nella sua urgenza di matrice classica/colta europea che a
tratti, par assumer le sembianze di un nevrotizzato ragtime.
Una
gradita sorpresa “Velvet Oddities” (poi non cosi rigida e
severa come si potrebbe immaginare).

Voto: 8

Link correlati:Atrito-Afeito Records Home Page