Melt ‘Pure Melt’

(Accretions 2015)

Debut release per il trio giapponese Melt, all’insegna di
una creatività libera e senza restrizioni.
Impro luminosa,
che lambisce territori post rock e non disdegna rarefazioni
lisergiche.
Marcos Fernandes (da tre decadi attivo in
California. Batteria, field recordings e synth), Takashi Ueno
(Tenniscoats) alla chitarra (acustica/elettrica), il basso, il
piano e il contrabbasso di Jyoji Sawada.
Rodati a puntino
da un’intensa attività live in ogni possibile anfratto
disponibile fra Tokyo e Yokohama.
“Pure Melt” scorre
piacevole ed intrigante, fra cenni pestati che paion una versione dei
Laddio Bolocko più atmosferici (Advance), non
disdegnando passi di funk strapazzato (On The Prowl) e sezioni
a maggior tasso jazz/ambientale (Languor).
Poi ci si
imbatte in bizzarre costruzioni che integrano psichedelia,
allucinazioni lounge e svenimenti cool (la visione storta di Was
It Just Yesterday
).
Sino a giunger ad episodi deliziosi come
l’acustica e delicata Zephyr,
la rurale Bed Of Straw e
la notturna scomposizione contemporanea di So You Have
Come
.
Calore,
immediatezza e complessità, serve altro?

Voto: 8

Link correlati:Accretion Records Home Page