Next ‘Antenna’

(Autoprodotto 2003)

All’inizio (Asleep) ci sono inserti di batterie elettroniche. La voce assomiglia alla cantante dei Gathering (con meno acuti) mescolata in qualche modo a Elisa. Le parti di elettronica si inseriscono senza pesare troppo e l’electro-pop del duo sembra essere ben equilibrato. In certi momenti sembra di sentire anche qualche eco di Everything but the girl. Il ritornello con cassa su ritmi pari sottolinea il lato pop o almeno la volontá di esserlo.

La seconda canzone sembra essere influenzata dagli Air ed é in qualche modo inferiore per spessore sonoro (non so come spiegare in altro modo la caduta di tono di It Can Fall and Make No Sound).

Le ultime due canzoni si assestano su quello che abbiamo giá potuto ascoltare fin qui (l’ultima fa anche il verso a Björk all’inizio). C’é sempre la solita struttura pop e il solito crescendo di cassa sul ritornello.

Che dire? I suoni sono curati, la voce é filtrata a dovere (quindi in sostanza non si può sapere quanto vera sia (ma cosa é vero?)). I testi sono i soliti testi pseudo-malinconico-dark (hai voglia a risentire il male dei vecchi Cure o Joy Division!). Un demo buono per far successo, quindi. Probabilmente chi cura i suoni del gruppo (Matteo Cordini) potrebbe iniziare a pensare di costruire un progetto solista, interamente elettronico, dato che i suoni e le ritmiche sono buoni. La cantante sviluppare una voce in modo un po’ piú personale e meno riconoscibile?

Voto: 6

Link correlati:Sito Next