Rag Baby 1-2


“RAG BABY 1-2”


 


autore: Country Joe & The Fish


etichetta: Rag Baby


anno di pubblicazione: 1965-1966


con: 1) Joe McDonald, Barry Melton, Carl Shrager, Bill Steel, Mike Beardslee 2) Joe McDonald, Barry Melton, Bruce Barthol, David Cohen, Paul Armstrong, John Francis Gunning.


 


Cosa chiedere a un tipo che i genitori hanno chiamato Joe in omaggio a Baffone e che avrebbe desiderato denominare il proprio gruppo Country Mao & The Fish? Ma forse è il caso di prendere l’argomento meno seriamente di quanto richiederebbe uno sguardo superficiale: McDonald è un americano ed è come tale che considera tutta la questione. Di più, McDonald è un americano fricchettone e libertino (si narrano love story con Grace Slick e Janis Joplin); non è comunque per il fatto di essere un grande trombatore che trova posto in questo elenco. Fra il 1965 e il 1966 pubblica, con il suo gruppo, due EP che verranno venduti a prezzo politico durante i cortei studenteschi; praticamente si tratta di una delle prime, se non la prima, forme di autoproduzione. Nell’EP iniziale trovano posto il torrido blues Superbird I Feel Like e I’m Fixin’ To Die Rag; il secondo, con la band in stile jug che suona fra clangori di bombe ed elicotteri, è un inno antimilitarista dalle caratteristiche invero innovative. È però l’altro EP che presenta dei cambiamenti anche di carattere musicale, soprattutto in Bass Strings e Section 43, antesignani di quel suono onirico che invaderà i prati della california e verrà ricordato come psichedelia. Di lì a poco Country Joe firmerà per la Vanguard riproponendo questi brani in due acclamati LP. Nel 1971 ritornerà all’autoproduzione con un terzo EP di scarso interesse – unici tratti distintivi la copertina firmata da Jane Fonda e il titolo di un brano: Kiss My Ass – fatta eccezione per lo scopo che lo origina: una raccolta di fondi per il Vietnam Veterans Against The War. I tre dischetti sono stati, in seguito, raccolti insieme a più riprese, anche in CD.