Pavic ‘Unconditioned’

(Anteo Records/Alkemist Fanatix Europe 2008)

Sembra proprio che non ci sia bisogno di aggiungere altro al disco dei Pavic, anzi dovrei dire “di” Pavic visto che la band in realtà porta il cognome di Marko Pavic, chitarrista di origini slave ora naturalizzato italiano che è al secondo album “solista”. Coadiuavato da una band di supporto, e nientepopòdimeno che da Kee Marcello (ex-Europe) nella traccia Just Go On, Marko ci presenta un nuovo album composto da dodici tracce di solido rock.
E di solido proprio si tratta, ‘Unconditioned’ non sbaglia praticamente mai nel songwriting; forse a tratti si va un po’ troppo a cercare il ritornello che acchiappa, ma in generale il materiale funziona egregiamente. Ci sarebbe forse da dire che l’accento inglese del cantante Chris Catena non è proprio dei migliori, ma non pesa certamente sulla qualità dell’album.
Chiaramente il punto focale è il lavoro chitarristico di Marko, tra il prog e il fusion, sempre comunque da ascoltare, soprattutto quando viene messo così in risalto dalla sapida produzione orchestrata dal nostro.
Così pure si amalgamano bene le tastiere, che in un album così sembrerebbero solo regalare un feeling anni ’70, ma invece riescono a impreziosire il sound, soprattutto nell’episodio finale, molto gradevole, Your Love is Shining.
Un ottimo prodotto da poter apprezzare in ogni sfaccettatura, consigliato!

Voto: 7

Link correlati:Homepage Pavic