Sei Miguel ‘StillaliveinBarrioalto’

Nello sfogliare il libretto dell’ultimo lavoro del portoghese Sei Miguel si vedono tutti gli artisti che lo accompagnano fotografati con gli strumenti in mano e maliziosamente mascherati da gatti. Infatti sarà proprio una certa anima felina e anarchica a scorrere per tutti i quaranti minuti di ‘StillaliveinBairroalto’. Miguel insieme a tutto l’ensemble (vediamo comparire anche la figura di Mota) conferma ancora una volta il Portogallo come uno dei posti in cui attualmente si avverte maggiore senso ispirativo e originalità. Il live in questione vede il trombettista vestire anche il ruolo di conduttore, concedendoci una suite totalmente estemporanea in cui confluiscono diversi generei musicali.
Minimalismo ( il Twin di Margarida Garcia), improvvisazione ( i suoni mai troppo ostici delle chitarre di Mota e Tiago Brandao), la tradizione romantica e malinconica di quei posti. Ma senza dubbi sarà la tromba profondamente jazz di Sei a echeggiare e predominare costantemente su tuttti gli altri. Tromba che se spogliata mostrerà tutto il suo attacamento e fascino per le atmosfere davisiane di ‘In a Silent Way’ o ‘Get Up With It’, distaccandosi solo a tratti per diventare frastagliata e sottilmente ‘cattiva’. Ma solo per poco tempo.

Voto: 7

Link correlati: