Adiabatic Invariants ‘Hkpd’

(Liarss Production 2014)

Sette movimenti di elettroacustica scarna e aguzza.
Percussioni
e materiali vari, live electronics/laptop e software homemade.
Luca
Gazzi
e Marco Matteo Markidis sviluppano un percorso
all’interno di un tunnel di specchi deformanti, dove l’elettronica
agisce da rinforzo, da contrappunto, torce timbri e toni, amplia e
replica aliena.
Rigori contemporanei e azione acustica penzolante
(free/impro ed una calibrata visione etno).
Tra la rincorsa a
martello e lo strascicarsi di un risonante rituale (Structure For
Two Posizions I
), tramonti accesi di un enigma Balinese e
contrasti notturno/metropolitani (Structure For Two Posizions
III
).
Carne e scaglie di silicio, un dosaggio non semplice.
Il
detto e il non detto, il corpo e l’astratto.
Apparire e sparire di
fronte a uno specchio, ripetere più e più volte (poi
tagliare qualche fotogramma dell’azione ad occhi chiusi e proiettare
su telo Xenakis).

Voto: 6

Link correlati:Liarss Production Facebook Page