Pangolin Orchestra ‘Ex-Perimento # 5’

(CSC / Idee Nere / Stella*Nera 2007)

Gi Gasparin (chitarra, oggetti, voce), Giuliano
TomajTremea (voce), Enrico Antonello
(tromba), Jacopo Andreini (sax alto, tubofono, basso),
Adalberto Bresolin (sax tenore), Andrea Caprara
(sax alto, sax tenore, clarinetto alto), Roberto Fega
(elettronica, oggetti), Giorgio Manzato (basso), Lucio
Bonaldo
(batteria), Stefano Porro (batteria).
PANGOLIN
ORCHESTRA
!
Una bellezza storta, intricata e sbilenca,
simpatica e ridanciana ma; attenzione a voltargli le spalle.
Gi
Gasparin butta il sasso nel pozzo, gli altri battono colpo.
Ossigeno
puro per polmoni intossicati d’accademica seriosità, sbatti e
ribatti materia viva, uno spicchio gli è punk, l’altro
spicchio banda di ottoni balcanici a fine festa con gola bruciata
d’alcool, la buccia secca e scartocciata fra impro ed elettronica
strapazzata e dentro, in fondo al torsolo semoso una sana follia
multicolore.
Il risultato finale è di quelli belli
saporiti, forti e vigorosi, che t’impastano il palato e li sciacqui
via soltanto con un bicchier di vin di quello rosso rosso.
Bello
perché della somma delle parti se ne frega, si appozzaglia in
broda schiumosa che dal pentolon tracima ribollente.
(S)Travolgenti
(Banca Donnini, Come Tuo
Figlio
, Svedese Disteso;
Spic E Spanish), secchi e stecchi (melmosa Most
Fires Start Small
, Kqzy
con bestiario surreale incluso, Addosso secca,
stecca e basta; Per Domenico Morelli fiera e baldanzosa),
lessicalmente dissestati (Vestitevi e Bala
Balotta
).
Pangolin Orchestra è il seme della pianta
immaginaria, l’albero che non c’è e vorremmo fosse, differenze
e singulti che si fan pane.
Antico e moderno al contempo, fiero,
dubbioso e rabbioso; per ogni risposta dieci domande.
C’entra e
non c’entra, lo ascolto e penso ad “Attica Blues” di
Archie Sheep; buon segno evidente.
Bellezza libera e
scorbutica da queste parti.

Voto: 8

Link correlati:www.centrostabile.it // www.anarca-bolo.ch