Zoa ‘La Più Pallida Idea’

(Autoproduzione 2005)

E’ il debutto dei romani Zoa questo ep di cinque pezzi, “indie rock sperimentale”, ipse dixit, cantato in italiano.
L’inizio, affidato a Il Mio Sospetto, è forse un pò fuorviante: una lunga suite ipnotica debitrice ai Marlene Kuntz (penso a Sonica e al penultimo “Senza Peso”) e al Jeff Buckley di Dream Brother: alternanza tra parti soffuse ed altre più nevrotiche sopra le quali emerge il cantato acidulo, annoiato e sognante di Daniele Ciavarro, chiaramente ispirato al Manuel Agnelli di “Germi” e “Hai Paura del Buio?”; certi passaggi risultano riusciti ed efficaci, ma alla fine emergono una certa ripetitività e inevitabilmente noia.
Fuorviante dicevamo, perchè nei pezzi restanti il noise kuntziano si limita a colore di fondo, lasciando il primo piano ad un rock-pop di matrice indie dalle molteplici influenze, tra le quali sottolineiamo ancora Buckley Junior nelle linee melodiche e nella voce, e gli Afghan Whigs (specie quelli di “Black Love”) per l’incedere delle chitarre: se Palpebre e Canzone 1 scorrono senza problemi ma senza nemmeno lasciare molte tracce del proprio passaggio, Piano B è da segnalare per un’interessante atmosfera pennellata da morbidi arpeggi di chitarra e sormontata da una voce che rende meglio, adagiata sui toni bassi: le strofe ricordano qualcosa dei Red House Painters, accostamento che scade immediatamente nei ritornelli assai più pop ma non per questo da disprezzare.
Sig6 è invece il giusto punto d’incontro tra le atmosfere allucinate del brano iniziale e il rock più immediato dei brani centrali; non male infine nemmeno la ghost track, un blues minimale e stralunato, con una chitarra liquida e sfocata e una voce onirica e malata.
A parte la voce che qua e là non convince, coretti estemporanei a volte fuoriluogo e forzati, il problema principale è quello della stragrande maggioranza delle band emergenti italiane: la mancanza di una personalità forte che caratterizzi il gruppo, e marcate influenze oramai troppo abusate.

Voto: 6

Link correlati:ZOA SITE

Autore: alealeale82@yahoo.it