Uncode duello ‘Tre’

(Wallace Records/Audioglobe 2009)

E così Paolo Cantù e Xabier Iriondo sono giunti al terzo lavoro con la sigla Uncode Duello. A differenza degli altri due dischi, questa volta il duo non ha voluto contributi esterni, ma ha preferito lavorare in solitaria, riavvolgendosi su sé stesso. ‘Tre’ esce sia in vinile che in cd, dunque è diviso in due parti, la prima costituita da quattro brani e la seconda da un’unica traccia lunga quasi dieci minuti. Come sempre i due artisti utilizzano molti strumenti, dalla batteria, al clarinetto, dalle chitarre al piffero, dal violino al mahai metak, la particolare chitarra costruita da Iriondo e costituita da 10 corde. Nella prima parte di questo lavoro il sound è molto spigoloso, con un noise espresso in tutte le sue sfaccettature, giungendo a sonorità simili all’industrial noise, spesso martellante ed eccessivo. In questa prima parte il brano più intrigante è Come in uno stato di nebbia con riverberi noises molto assortiti e con il clarinetto in loop, dandogli una veste mistica. Il brano della seconda parte, invece, Train is the place è sperimentale e molto variegato, con ambientazioni mediorientali e suoni rarefatti e lenti, con vari strumenti che si sovrappongono, mentre una chitarra dal sapore mediterraneo entra in primo piano e con il ritmo che tende ad accelerare, crescendo di intensità. Come sempre questo duo produce suoni interessanti, innovativi ed intriganti.

Voto: 8

Link correlati:Wallace Records Home Page