9 ‘Eponymous’

(Sopa Records 2009)

L’electropop del debutto di Marco Brosolo, italiano emigrato nella capitale krauta Berlino riporta a galla la stagione Tarwater, mescolandola con le influenze Warp prima maniera. Una dichiarazione d’amore verso il glitch che si infarcisce di pop con l’uso di strumenti acustici e delle voci di Sheryl Schraschmidt (Fuori), Julia Erdmann (nella stupenda Sogni in aria Marina Rei) e della cantante d’opera Yvonne Motzku (Day By Day).

La voce del pordenonese ricorda l’atteggiamento dei La Crus in fase electro, con quelle splendide organicità soffuse, anche se a tratti la popness disturba per una leziosità evitabile. Un debutto che sorprende e che fa ben sperare in un futuro più concentrato sulla ricerca di un suono personale, che si discosti da citazionismi ormai d’antan.

Voto: 7

Link correlati:9 Home Page

Autore: taffey6977@gmail.com