Rawhypnols ‘Thank God We’re Not Religious

(Nicotine Records 2007)

Oltre che condividere la posizione antireligiosa del quintetto svedese, approviamo in pieno il loro modo di esprimersi con un sano punk essenziale, con spunti hardcore e qualche fragore simil hard o heavy, tanto è vero che in alcuni frangenti possono essere accostati ai loro schizzati connazionali Hives. Questo è per gli scandinavi il secondo cd, pubblicato sempre per l’italiana Nicotine Records. La loro essenzialità punk è evidentissima anche nella durata dei brani, che hanno una lunghezza media di due minuti (sono 13 brani in 27 minuti).
Molti brani sono strutturati su una chitarra solista che ha un sound quasi elettroacustico e se il piglio è punk, i legami con i primordi del rock’n’roll o con i boogie sono fortissimi, ed è come se i Rawhypnols volessero chiudere un cerchio, questo riferimento alle radici è molto evidente in Viagra falls e nel blues vibrante di Overdose maximus. Curiosa poi Lazy summer giocata su un hard punk-blues con un intermezzo orientaleggiante ed il ricordo va ai nostri primissimi Cccp, così come desta sorpresa Marie-Joanna con la chitarra che a un certo punto prende una deviazione per il Messico, per poi reimmettersi sulla strada maestra dell’hard rock.
I testi rispettano il titolo con riferimenti blasfemi e sberleffi verso la religione, da cui i nostri cinque si sono totalmente liberi e non temono la scomunica del nazista in capo al Vaticano.

Voto: 8

Link correlati:www.nicotinerecords.com