Vanderlei ‘1234’

(Autoprodotto 2007)

Nati da sei anni, in precendenza la maggior parte dei Vanderlei erano i Kybbutz, esordiscono con un Ep contenente sei brani di indie rock cantato in italiano e di ottima fattura. I bolognesi, infatti, riescono a stare sul crinale di un indie profondo con le sei corde che spesso vanno in dilatazione e scavano nelle nostre anime. Emotivi e razionali, non perdendo mai la lucidità con una grande capacità di contenimento partono con Migliora, con una ritmica martellante e circolare, per proseguire con il p-funk elettroacustico di Eroe del crepuscolo che ha un sapore epico. Privato conato donato al mercato ha un attacco noise in perfetto stile Fugazi-Sonic Youth ed è particolarmente trascinante con dei sublimi richiami noise. Graffianti e taglienti risultano invece le chitarre di Calice, impreziosita da un cantato melodico ed avvolgente. Con Aria i bolognesi dimostrano di sapersi ben destreggiare anche con il pop –rock. Le premesse ci sono tutte affinché questo progetto sia un nuovo cavallo su cui puntare. Aspettiamo fiduciosi il full leight.

Voto: 7

Link correlati:Vanderlei Home Page