Kathodik Playlist 2006

La Playlist Del 2006 A Cura Della Redazione di Kathodik. Leggere Prego!

 


 


 


 


Playlist Marco Carcasi  grahgreen@yahoo.it


Nessun nome è stato cambiato per proteggere gli innocenti.
Sono tutti dannatamente colpevoli.

Lydia Lunch “Paradoxia”

Sono solo pensieri vaghi; imprendibili e scarsamente tollerabili.
Elimino ogni attività superflua; mi limito a guardar fuori dalla finestra.
Di tutto quello che accade, non resta altro che un’impercettibile scia luminosa; troppo poco per rischiarar la notte.
Un’offensiva della memoria…

Lasciarsi andare…

Billy Bragg “Volume 1” (Cooking Vinyl 2006)
Se non sapete cosa è l’amore non chiedetelo a me, provate con Billy il nasone; lui vi saprà dire.
Ned “Rien, Merci” (S.K. 2006)
Fastidiosi e disarticolati; ottimi nel traffico!
Alessandro Monti “Unfolk” (Stella*Nera 2006)
Con semplicità; fragoroso scontro emozionale acustico. Le parole collassano.
Punck “A Costant Migration (Between Reality And Fiction)” (Creative Sources 2006)
Tornare sulla terra a cavallo di un tramonto. Meraviglia continua!
Loren Connors “Night Through: Singles And Collected Works 1976-2004” (Family Vineyard 2006)
Nel cuore; nella carne…
This Heat “Out Of Cold Storage” (ReR 2006)
Vertigine pura. Chiarifica la paternità della maggior parte del materiale in circolo negli ultimi venti anni.
Santo Subito “Xavier” (Accretions 2006)
Dronante esordio metallizzato degno del sindacato del sogno.
Roberto Fega “Fave Quotidiane” (CtrlAltCanc 2006)
Continua crescita costante, si intravede il botto in lontananza; intanto questo è gratis e scaricabile!
Jim Haynes “Telegraphy By The Sea” (Helen Scarsdale 2006)
Perturbante e conturbante.
Braida / Ellis / Spera “Di Terra” (Nu Bop 2005)
Dedizione assoluta! Da ammirare!
Polvere “Polvere” (Wallace 2006)
Blues e Kraut mirabilmente fusi in un collage modernista. Imperdibili dal vivo!
Emily Hay / Marcos Fernandes “We Are” (Accretions 2005)
Prima streghetta; ora sciamana.
Fredy Studer / Ami Yoshida “Duos 21-27” (For 4 Ears 2005)
Rantolo subumano.
Jeff Kaiser / Tom McNalley “Zugzwang” (Pfmentum 2006)
Da queste parti batte qualcosa di nuovo.
Mattia Coletti “Zeno” (Wallace 2006)
Il futuro gli appartiene.


Resta dell’altro fuori; e bussa…

Daniele Brusaschetto “Mezza Luna Piena” (Bosco Rec./ Bar La Muerte 2005)
Ciao Bellissima e Stella Stellina sono semplicemente le più belle canzoni italiane degli ultimi cinque anni. Un culto!
Kelly Joe Phelps “Roll Away The Stone” (Rykodisc 1997)
L’ho comperato fuori tempo massimo; struggente!
Lustmord “Rising” (Vault Works 2006)
Coattissima esibizione di classe pura; al cuor non si comanda!
Anofele e Logoplasm “Gravescapes” (Afe 2005)
Misterica escursione tribale.
The Shipwreck Bag Show “ The Shipwreck Bag Show” (Wallace 2006)
Venti minuti che azzerano il contachilometri delle stronzate; l’album potrebbe essere il disco dell’anno!
Urkuma “Rebuilding Pantaleone’s Tree” (Baskaru 2005)
Acquatica escursione materica (da provare dopo la tribale di cui sopra…).
Thin White Rope “The One That Got Away” (Frontier 1993)
Uno dei più bei live della storia. Estasi!
Thollem Mcdonas “Poor Stop Killing Poor” (Edgetone 2006)
A quelle altezze la respirazione è un’impresa difficoltosa…
Skullflower “Tribulation” (Crucial Blast 2006)
Per chi ricorda “Xaman”…
Ashtool “S.o.c.g.: Vecchie Paure” (Into My Bed 2006)
Imperfetto; puzza di futuro…
Giusto Pio “Motore Immobile” (Edel 2004)
Questo è un consiglio…
My Cat Is An Alien “The Cosmological Eye Trilogy” (Last Visible Dog 2005)
Loro sono andati veramente oltre…


Manca dell’altro…


 


Playlist Paolo Scortichini paoloscortichini@hotmail.com


I migliori dischi del 2006 secondo l’illustrissimo Paolo Scortichini


Mau Mau – “Dea”
Tender Trap – “6 billion people”
Daniel Johnston “lost and found”
Pipettes “we are the pipettes”
Camera Obscura – “Let’s get out from this country”
I’m from Barcelona – “Let me introduce our friends”
Long blondes – “something to frive you home”
Love is all – “some times nine times”
Mojomatics –  “songs for laraways lovers”
Mice Cars – “I’m the creature”
Belle & Sebastian – “the life pursuit


 


Playlist Rino Mario Borselli  paulemiko@gmail.com


Ecco i migliori dischi del 2006 secondo me, in ordine abbastanza casuale:


– Battles   “EP C/B EP”  (Warp)
– Uzeda   “Stella”  (Touch And Go)
– Tom Waits  “Orphans”  (Anti)
– Liars   “Drum’s Not Dead”  (Mute)
– Vinicio Capossela  “Ovunque Proteggi”  (Warner)
– Mogwai  “Mr. Beast”  (Matador)
– miranda  “Rectal Exploration”  (fromSCRATCH)
– Buil to Spill  “You in Reverse”  (Warner)
– Chevreuil  “Capoeira”  (Ruminance)
– Isobel  “Fioca?”  (Smartz / Fooltribe)
– Xiu Xiu  “The Air Force”  (5 Rue Christine)
– Isis  “In the Absence of Truth”  (Ipecac)
– Oneida  “Happy New Year”  (Jagjaguwar)
– Tool  “10,000 Days”  (Volcano)
– Beirut  “Gulag Orkestar”  (Ba Da Bing!)
– Daniel Johnston  “Lost and Found”  (Sketchbook)
– Mattia Coletti  “Zeno”  (Wallace)


 


Playlist Paolo Rossi ruller@tiscali.it 


Massive Attack, Best Of: Live with me
Joan As Police Woman, Real Life: Eternal flame
Cat Power, The Greatest: Living proof
Easy Star All-Stars, Radiodread: Exit music for a dub
Will Oldham, The Letting Go: Cursed sleep
Rolling Stones, A Bigger Bang: Rain fall down
Spank Rock, Yoyoyoyoyo: Bump
Flaming Lips, At War With The Mystics: The W.A.N.D.
Jurassic 5, Feedback: Work it out
The Rapture, Pieces Of The People We Love: Whoo! Alright yeah… uh
huh



 


Playlist Alfio Castorina  liquidtree@gmail.com


In rigoroso ordine random:


Jeph Jerman-Greg Davies: KU (Room40)
Current 93:  Black Ships Ate The Sky (Durtro)
Keith Rowe-Toshimaru Nakamura: Between (Erstwhile)
Olivia Block: Heave To (Sedimental)
Radu Malfatti-Mattin: Going Fragile (Formed)
Tetuzi Akiyama-Oren Ambarchi-Alan Licht: Willow Weep and Moan for Me  (Antiopic)
Nmperign-Jason Lescalleet: Love Me Two Times (Intransitive)
Stephen Flinn-Noah Phillips Duo and trio with Tim Perkis: Square  Circle (Pax Recordings)
Kommando Raumschiff Zitrone: First Time I Ever Saw Your Face (Quincunx)
Anthony Burr-Charles Curtis: Alvin Lucier (Antiopic)
Om-Conference Of The Birds (Holy Mountain)



 


Playlist Valeria de Stefano valeriafrusciante@yahoo.it


Alors, la classifica:
 
Gravity’s rainbow- Klaxons
Steady as she goes- Racounteurs
Lloyd I’m ready to be heartbroken- Camera obscura
Cheated hearts- Yeah yeah yeahs
Do the wirlwind- Architecture in Helsinki
Crooked Teeth- Death cab for cutie
Coin operated boy- Dresden dolls
On a nooze-Towers of London
Sheena is a parasite- The Horrors
Funny little frog- Belle and Sebastian
Country girl- Primal Scream
 
Ne restano comunque fuori tante. w la indiepop
ciau!
valeriafrusciante



 


Playlist Pietro Tola  pie_tola@yahoo.it


Lionel Marchetti, Noord-Five Atlantica
Cuong Vu, It’s Mostly Residuals
Liberty Ellman, Ophiuchus Butterfly
George Lewis, Sequel (For Lester Bowie)
Evan Parker, The Eleventh Hour
Andrew Hill, Time Lines
Matthew Shipp, One
Paul Motian, Garden Of Eden
Nels Cline, A New Monastery
Orla Wren, Butterfly Wings Make
Chicago Underground Duo, In Praise Of Shadow
Geir Jenssen, Cho Oyu 8201 m
Anouar Brahem, Le Voyage De Sahar


 


Playlist Diego Accorsi  daccorsi@hotmail.com


Ecco quello che m’ha dato emozioni quest’anno passato:
 
musica: Siouxsie & the Banshees (tutto in particolare Nocturne – DVD), Bauhaus, Musica Balcanica (in particolare Fanfare Ciocarlia, Boban e Marko Markovic Orkestar, Kocani Orkestar), In Deepest Decline – demo CDR e anche dal vivo al Grottarossa di Rimini, Nepenthe – CD, Converge – No Heroes, gli Ingegno e i Violent Breakfast dal vivo al Mattatoio di Perugia, Blood Brothers – Young Machetes, Fabri Fibra, Chevreuil – Capoeira, i primi Mau Mau
 
letture: le Mille Balle Blu e Inciucio di Travaglio e le due autobiografie di Remo Remotti
 
fumetti: Palestina e Goražde – Area Protetta di Joe Sacco, Appunti 2 di Aleksandar Zograf
 
visioni: Lady in the Water, L’Amico di Famiglia, Grbavica, The New World, Romanzo Criminale, Il Caimano, Palindromes, With Love – a Great circle, il dvd della Load Records e quello dell’Amphetamine Reptile
 
teatro: RezZa e Remotti


internet: myspace.com (che grande scoperta) e marchehc.org (finalmente)


donne: Franka Potente, Franka Potente, Potentemente Franka


 


Playlist Marco Paolucci  uccio12@hotmail.com


VV. AA. ‘Rogue’s Gallery Pirate Ballads, Sea Songs, & Chanteys’
Gruppo Improvvisazione Nuova Consonanza ‘Azioni’ Box 2 cd + Dvd
This Heat ‘Out Of Cold Storage’ Box 6 cd
Mojomatics ‘Songs For Faraway Lovers’…Scelto senza mezzi termini in Lp
Moonddog ‘Rare Materials’
VV. AA. ‘African Pearls 1 Congo Rumba On The River’
VV. AA. ‘African Pearls 2 Guinée Cultural Revolution’
VV. AA. ‘African Pearls 3 Mali One Day On Radio Mali’
VV. AA. ‘African Pearls 4 Senegal The Teranga Spirit’
Damien Rice ‘9’


Aggiungo:


Bruce Springsteen ‘We Shall Overcome The Seeger Sessions – American Land Edition’…scoperto colpevolmente tardi. Ma ho rimediato!


Micah P. Hinson ‘Micah P. Hinson And The Opera Circuit’ indimenticabile mancato capolavoro…


 


Playlist Marco Fiori fiorak@virgilio.it


 


Playlist Fiorak 2006 (in assoluto, inesorabile ordine sparso) CD Prefab Sprout, “Steve McQueen”. Associates, “Fourth Drawer Down”. Gaznevada, “Sick Soundtrack”. Flavio Giurato, “Marco Polo”. Tiga, “Sexor”. Autechre, “Untitled”. Sigur Ros, “()”. Neurosis, “A Sun That Never Sets” (anche il DVD). Talking Heads, “The Name of This Band is Talking Heads”. Serge Gainsbourg, “Histoire de Melody Nelson”. Letture e visioni Libri Alberto Moravia, “La vita interiore”. Claudio Piersanti, “Charles”. Daniele Del Giudice, “Atlante occidentale”. Giancarlo De Cataldo, “Teneri assassini”. Mario Soldati, “L’attore” e “A cena col commendatore”. Film “Lady Vendetta”, di Park Chan-Wook. “Cannibal Holocaust”, di Ruggero Deodato. “Il caimano”, di Nanni Moretti. “Testimone d’accusa”, di Billy Wilder. “El Alamein la linea del fuoco”, di Enzo Monteleone. “La grande abbuffata”, di Marco Ferreri.


 


Playlist Marco Loprete marcoloprete@libero.it



PIPETTES: Pull Shapes
Chi l’ha detto che gli anni ’60 sono morti? Con Pull Shapes le Pipettes recuperano lo Spector sound e ci regalano tre minuti di puro divertimento pop.


PRINCE: Te Amo Corazon
Prince è uno dei grandi geni della musica “leggera”. L’ultimo disco, 3121, seppur a tratti, lo conferma. Questa è una ballad in cui il nostro latineggia con classe, come Santana non sa più fare.


THE KILLERS: When You Were Young
Da un disco veramente brutto, un gran bel pezzo, che mescola l’urgenza springsteniana con l’epica sofferta degli U2. Da ascoltare a tutto volume.


CARMEN CONSOLI: Sulle Rive di Morfeo
La Consoli ha dimesso i panni della rockehuse “confusa e felice” per indossare quelli più malinconici della cantautrice acustica. I risultati sono ottimi e questa Sulle Rive Di Morfeo, delicata ballad folk che racconta la storia di due adulteri, lo dimostra appieno.


IVANO FOSSATI: Baci E Saluti
Ballata di ascendenza folk, con un armonica springsteeniana (era Nebraska) e testo da brividi. Da brividi.


THE RACONTEURS: Steady As She Goes
Grunge e pop anni ’60 vanno a braccetto in questo pezzo tratto da Broken Boy Soldier, esordio del gruppo composto da Jack White e Brendan Benson Il risultato è uno dei singoli migliori dell’anno.


MUSE: Starlight
“I just want to hold you in my arms” canta Matt Bellamy nel ritornello di questa ballad, struggente ed energica al tempo stesso. Chi riesce a resistergli?


DAMIEN RICE: Grey Room
Diciamo la verità: l’ultimo disco del cantautore irlandese, 9, è assai mediocre, solo lontanamente imparentato con quel gioiello che era il precedente O. Ma questo Grey Room è un pezzo tutt’altro che grigio…


SCISSORS SISTERS: I Don’t Feel Like Dancing
Prendete l’Elton John degli anni ’70, aggiungetevi i Bee Gees ed un pizzico di George Micheal ed avrete questo trascinante esempio di disco del nuovo millennio firmato Scissors Sisters.


BOB DYLAN: Workingman’s Blues #2
Una ballad-capolavoro in cui rifà capolino l’anima del folk-singer di protesta, in assoluto tra le cose migliori del nostro.


THE BLOW: Pile Of Gold
Gli anni ’80 più sintetici rivivono nella musica dei Blow. Pile Of Gold è un ottimo esempio di cosa sia il loro disco d’esordio: suoni plastificati, tastiere, ritmi spezzati ed una voce suadente. Un capolavoro.


THE RAPTURE: Whoo! Alright-Yeah… Uh Huh
Punk-funk nevrotico che strizza l’occhio ai gloriosi Talking Heads con l’aggiunta di un pizzico di hip-hop e di elettronica per il pezzo migliore dell’ultimo disco dei Rapture.


THE HOLLOWAYS: So This Is Great Britain
L’esordio degli Holloways, So This Is Great Britain, è una specie di clamoroso party musicale. Ci sono tutti: Clash, Pogues, Beatles ed Artic Monkeys. Il risultato è un disco fresco, accattivante e genuinamente ruvido. So This Is The Great Britain è il pezzo d’apertura, ed anche uno dei migliori.


THE SHINS: Red Rabbits
Malinconica ballata metà acustica e metà elettronica che mescola la tenerezza di un McCartney con una malinconia tipicamente smithsiana. La canzone perfetta?


MICAH P. HINSON: Drift Off To Sleep
Un terzinato folk da brivido, impreziosito da un’orchestrazione elegante e raffinata e da un’interpretazione vocale intensa. Uno dei pezzi migliori dell’ultimo Micah Hinson.


 


DISCHI:
The Blow – Paper Television
Carmen Consoli – Eva Contro Eva
The Holloways – So This Is Great Britain
Tara Jane O’Neil – In Circles
Flaming Lips – At War With Mystics
Dresden Dolls – Yes Virginia…
The Raconteurs – Broken Boy Soldiers
The Whitest Boy Alive – Omonimo
Knife – Silent Shout
Liars – Drum’s Not Dead
Marco Parente – Neve Ridens (pt. 2)
Miss Kenichi – Collision Time
Kasabian – Empire
Isobel Campbell – Milkwhite Sheets
Dave Fishoff – The Crawl
The Walkmen – A Hundred Miles Off
MoRkObOt – MoRkRbOt
Library Tapes – Feelings For Something Lost
The Shins – Winching The Night Away
Thom Yorke – The Eraser
Micah P. Hinson – Micah P. Hinson And The Opera Circuit