Opiate ‘Sometimes’

(Morr Music/Wide 2003)

Il progetto Opiate è solo una delle molteplici occupazioni del danese Thomas Knak – ben accreditato da collaborazioni con Bjork ed Alva Noto, tra le altre cose – maneggione elettronico che in questo “Sometimes” dimostra una buona mano e si garantisce un sicuro avvenire negli scaffali non polverosi dei cultori del genere (magari accanto all’eccellente “Helio” di Flim).
L’ep propone sei strumentali costruiti in modo certosino, tagliando e cucendo suoni “organici” ed “elettronici” in un mantra minimale (Perdot), triturando flauti campionati (Snow Story), avvicinandosi al “beat” ed a certi Kraftwerk di “Autobahn” (Amstel), ispirando e provocando il lavoro di un pittore con suoni taglienti e un battito squadrato (For Brian Alfred), affiancando un nostalgico pianoforte ad una programmazione ritmica implacabile (Stp!), evocando piccoli roditori che gironzolano in una fabbrica (OpiTTT); il tutto senza sbrodolare in un inutile “progressive digitale”. Bravo, non c’è che dire.

Voto: 7

Link correlati:Sito della Morr Music