Sawako ‘Cotor:’

(Grain Of Sound 2003)

Olà!, ecco il primo vero CD di Sawako dopo le varie pubblicazioni in mp3, le deliziose produzioni homemade, la partecipazione a numerose compilation e alcuni sacrificati 3″; oddio, non è che anche in questa occasione la nostra amica si sia sprecata, poco più di 27 minuti, ma quello che conta è l’intensità… e in quanto a intensità questo è un concentrato che rischia di scoppiare tra le mani. Nell’arco di 7 brani, in cui utilizza sinewaves, field recordings e samples, mette nuovamente in mostra la sua abilità nel costruire quadretti surreali che affascinano per la semplicità e la purezza che li contrassegna. Come gocce di cristallo che carambolano inseguendosi e rifrangendo fasci di luce, così i suoni di Sawako scivolano, nitidi ed eterei allo stesso tempo, si dilatano e si restringono, come un corpo che respira, vivono di vita propria, fiori che attraversano con esplosioni di colore abbaglianti il loro breve ciclo vitale. Ci sono ben tre motivi per comprare questo CD-R. Primo: perché l’etichetta portoghese, che sta lottando contro l’ignoranza e lo snobismo dei più, va sostenuta nella battaglia che sta combattendo per dare pari dignità ai vari tipi di supporto, battaglia che conduce attraverso una produzione di alto livello qualitativo sia dal punto di vista musicale che per quanto riguarda la cura riservata alle confezioni; l’affermazione del principio secondo il quale la musica va giudicata per il suo valore e non per il supporto su cui è incisa è un segnale di libertà e d’intelligenza. Secondo: perché Sawako produce grande musica contando esclusivamente nelle proprie forze ed esaltando aspetti che abbiamo sempre amato, quali l’utilizzo di tecnologia povera, l’indipendenza dal mercato e l’autoproduzione. Terzo: perché “Cotor:” è un gran bel disco. (no ©)

Voto: 8

Link correlati:Grain Of Sound

Autore: sos.pesa@tin.it