The Death Of Anna Karina ‘S/T’

(Heroine 2002)

E’ un’ouverture di organo (The Infection) ad introdurci nel mondo sonoro dei carpigiani The Death Of Anna Karina. Il gruppo nasce dalle ceneri del precedente progetto Inedia e debutta con questo lavoro omonimo per la Heroine Records. Un suono che alcuni hanno definito death’n’roll caratterizzato da furia, potenza, brutalità ma anche da languide atmosfere indie-emozionali e slanci di devastante noise-core. Vengono in mente i Botch, i gruppi della GSL (sicura influenza), si rimane stupiti da come i TDOAK riescano a “mettere lo smoking” ad una sorta di screaming-death-core, dando eleganza agli arrangiamenti tramite l’uso di tastiere e sintetizzatotri.
Ascoltate Mission Alphaville, perfetto compendio del Karina-sound: un micidiale assalto death-noise-core guidato da un basso pulsante, epilettico, impazzito. Gli ultimi brani ci rivelano invece il lato più introspettivo della band e ci si ferma col fiatone ad ammirare gli arazzi wave-rumoristici di The Sixth Part Of The World e Ian T.Williams Is My Guitar Hero.
Contrazioni elettriche, spasmi metallici, rilassamenti indie-wave, urla allucinanti: signore e signori, i The Death Of Anna Karina. Ancora una volta una via tutta italiana, originalissima alla musica estrema. Da avere e mettere sulla mensola vicino ai lavori di With Love e To The Ansaphone.

Voto: 10

Link correlati:www.heroinerecords.com