R.U.N.I.

Scambio di opinioni su colonne sonore, collaborazioni, cinema d’essay e altri fatti importanti della vita; come la ricerca di una colonna sonora ideale per scampagnate solitarie o plurifamiliari e il metodo corretto per praticare una doppia Elson.

Dopo “Il cucchiaio infernale” e “La Zuccha Polmonate”, tutti coprodotti da Bar La Muerte / Beware / Wallace, sta per arrivare il loro quarto album (escludendo il mini cd d’esordio “Nessun Paradosso”). Quale occasione più ghiotta per scambiare quattro chicchere con i Resti Umani Non Identificati a proposito di argomenti totalmente collaterali e anche un po di cazzi nostriloro? Evvai.


 


Vi rendete conto che con un nome come R.U.N.I. (rifiuti umani non
identificati) vi candidate a miglior nome per una band nelle playlists
kathodike? Come l’avete scelto e quel ‘non identificati’ deve far pensare a
corpi chiusi in buste di plastica nera o altro?
Ad essere precisi r.u.n.i significa resti umani non identificati e non rifiuti umani ecc,ecc, a volerla raccontare tutta questo nome era il titolo di uno spettacolo teatrale,da cui hanno tratto anche un film intitolato “la natura ambigua dell’amore”che è il sottotitolo dello spettacolo stesso,ovviamente il titolo da’ un senso molto esplicito,ma in realta’ (avendo visto sia lo spettacolo che il film)è piu’ rilevante il sottotitolo, ovvero l’ambiguita’ della natura umana,la morbosita’,l’amore perverso,il desiderio folle di uccidere…questi sono in realta’ gli argomenti dello spettacolo;
in questo modo si puo’ arrivare molto facilmente a corpi chiusi in buste di plastica, passando per amore…


Certo che se c’è uno che sa come partire con il piede sbagliato quello
sono io… dunqueeee…. quindi sacchetti di plastica nera, passando per
amore.”Muori giovane e lascia un bel cadavere” disse qualcuno su un qualche
film (Faccia d’angelo?ignoro le mie fonti, come qualsiasi buon
giornalista)… filosofia di vita spiccia, ma efficace e veramente filmica.
C’è un equivalente R.U.N.I.esco della frase?

C’è un motto runesco, ma differisce un pò : “mori vecchio e fatti un bel cadavere”…non nel senso di scopati un bel cadavere, ma nel senso di diventa un bel cadavere…diciamo alla Tim Burton…presente Beetelejuice fantasmino porcello…se proprio devo pensare alla morte ed al suo post…

Abbiamo parlato di film e teatro, immagino siate propensi a produrre
musica per maifestazioni del genere (beh sentendo Il cucchiaio Infernale io
sarei propenso per il si).
Comporremmo volentieri anche per manifestazioni sportive, sagre, colonne sonore per scampagnate, ascensori, insonorizzazioni per degenze ospedaliere…per ora ci è comunque capitato di comporre ed eseguire dal vivo la colonna sonora di uno spettacolo teatrale…ora mirko wallace ci ha parlato di una idea ganza , quella di partecipare alla colonna sonora di un libro!!! vedremo se si farà!

Un film, opera(?) teatrale o rappresentazione visiva che vi piacerebbe
commentare con il suono, o che sentite vicina al vostro (suono)?
“le notti turbo-calde bagnate ” delle sorelle Pozzi…la colonna sonora di “Dead man” (parlando a livello personale di fabio) mi piacerebbe averla scritta io…si potrebbe andare avanti all’infinito comunque…chi non vorrebbe aver scritto il funky che balla un legiadro bud spencer in Piedone D’egitto (avete presente quando c’è la festa nel villone)…


Ho saputo che avete terminato la lavorazione del vostro nuovocd con
Jacopo Andreini alla productionem. Ci date qualche coordinata per questo
nuovo R.U.N.I. prodotto, qualche impressione? Insomma cosa dobbiamo
aspettarci.
Jacopo non ha partecipato alla produzione del disco, ha sovrainciso su 4
o 5 pezzi il suo virgulto sax e la sua pocket trumpet (facendoci godere parecchio)…per quanto riguarda il nuovo disco , ti possiamo dire che a noi piace molto (ovvio ,sennò mica ne facevamo un altro), soprattutto perchè è diverso dal cucchiaio…sicuramente più coeso, anche perchè composto in meno tempo ed abbiam registrato tutto in trio elettrico (batteria , basso, chitarra), mentre sul disco precedente, solo per 4 pezzi abbiam suonato in trio…anche il luogo è stato differente: un magazzino in questo caso ,dal soffitto molto alto, il che ci ha permesso di giocare molto con i reverberi naturali della sala, del cesso…

Finire la lavorazione a un cd è come…. (continuate la frase unendo i
puntini….).
Farsi una sega…ti ritrovi svuotato! e già inizi ad immaginarti “con chi” ti farai la prossima.

Che vi siete ascoltativistiletto (doppi sensi?) in questo periodo pre e
post produzione?
Siamo in 4 quindi l’elenco sarebbe lungo , anche perchè i runi vivono in una falsa dittatatura dove ognuno è libero di non leggere/ascoltare/guardare quello che piace agli altri…solitamente tra di noi parliamo solo del sesso che non facciamo.


Votereste per una campagna pro-abolizione critica musicale?
Siiiii!!! anche se in realtà in qualche modo l’esistenza della critica ci permette di far conoscere la nostra musica ed anche di venire a conoscenza di altri gruppi, musici…quindi in un mondo utopico sarebbe bello non ci fosse critica, nel nostro…sarebbe anche bello che nessuno dovesse pagare 10/15 euro (se non di più) per comprare un disco e sarebbe bello anche poter andar in giro a suonare gratis…in altre parole che non ci fosse commercio….ahahahah

Riuscite a visualizzare (anche in maniera poco chiara) il vostro
ascoltatore medio? A chi assomiglia, a cosa assomiglia?Perché?
Nei concerti in qualche modo vediamo che il riscontro maggiore l’abbiamo con uomini di età tra i 30 e i 40 anni ed esperienze di droga alle loro spalle…molto è composto da bicchieri di vetro dei locali, sedie, poster appesi, bariste annoiate, orinatoi intasati.



R.U.N.I. a ruota libera. Se avete messaggi messianici da diffondere fate
pure kathodik vi da carta bianca (si fa per dire), diffondete pure
(stringati però).
Nessun messaggio…eventualmente se qualcuno volesse potremmo fargli fare un massaggio dal nostro coinquilino (di due di noi), fa il fisioterapista.

Grazie della disponibilità e ciao alla prox.
giao


Luca Confusione