O.Lamm ‘Snow Party’

(Active Suspension 2002)

Primo album ufficiale di questo artista francese del computer, prodotto per l’etichetta parigina Active Suspension.
Olivier Lamm esordisce come membro di Evenement!, un collettivo e un’etichetta francesi dove intraprende la sua ricerca sul suono e sulla sperimentazione. Inizia a collaborare con My Jazzy Child, Erich Zahn e Organ, e con musicisti elettronici come Alejandra&Aeron, Gel, Steve Roden, Hypo ed Encre. Scuola di tutto rispetto. Veniamo all’album: al primo ascolto sembra un frullato di suoni e confusioni. Ma attenzione, piano piano escono fuori le melodie, si insinuano e si fanno strada nell’orecchio dell’ascoltatore disturbato da frequenze sbagliate, da fruscii, rumori apparentemente al posto sbagliato che troncano il “corretto” inizio di un pezzo prima che si riesca ad assimilarlo. Ok, la tecnica è ormai nota, “laptop” music la chiamano, “glitch” i suoni prodotti, computer lo strumento utilizzato. Ma per questo album si può tranquillamente aggiungere un altro “strumento non convenzionale”: il frullatore. La macedonia è assicurata e viene servita in abbondanti bicchieri come I Was A Joker Now I’m Just un pò Oval in sottofondo ma non guasta; She’s, classico inizio con glitch&cut col coltell, fine con surreale loop di un fischio notturno (chissà dove lo è andato a trovare) e voce cantilenante interrotta dal “solito” rumore, Faye At The Desk, Matmos alla francese (inizio con piano in sottofondo, un tocco di classe!) combinato ad un ritmo hip-hop d’annata (bisogna anche qui cercarlo). Stevealbini/Kate, pattern melodico ripetuto ad libitum che piano piano si trasforma in un pezzo tecno/giocattolo, Del You’re So Great A Person, sintetico esempio del collage sopra descritto: tastiere, drones sballati, piano campionati, frequenze rimodulate. Bello

Voto: 8

Link correlati:activesuspension