Tilman Ehrhorn ‘Heading For The Open Spaces’

(Resopal-Schallware/Wide 2005)

Il poliedrico Tilman Ehrhorn, quotatissimo sassofonista jazz tedesco in prestito al suono digitale, dopo l’ottimo debutto in Mille Plateaux, torna di nuovo alla sperimentazione elettronica ed a noi audio naufraghi con un nuovo, impeccabile album. Ci pensa la tedesca Resopal dei non dimenticati MRI a licenziare il seguito di ‘Task’, vien fuori un lavoro dalla cifra techno che riesce a coniugare influenze avant-jazz in un certosino lavoro di taglia e cuci che ha quasi del maniacale. Curatissima è anche la scelta del corredo sonoro che, insieme ad uno spiccato senso del ritmo, che comunque resta anch’esso nei canoni di una certa economia espressiva, fa di questo ‘Heading For The Open Spaces’ un disco placido e dinamico nello stesso tempo, notturno e sognante, irrinunciabile.

Voto: 9

Link correlati:Resopal-Schallware