Sergio Ponchione ‘Obliquomo’

 

 

 

 

 

 

 

 

Di Francesca Viscioni

francescaviscioni@hotmail.com

Ponchione: inspirate e pronunciate, inspirate e pronunciate…POON…POO..POo…Sbuffi d’aria calda, mescolati alle correnti artiche delle vostre spifferogene stanzette, daranno vita ad un piccolo turbine polveroso (pulitele meglio le vostre stanzette…). Cercate l’occhio del micro-ciclone. Trovato? Come dite? Sono due gli occhi del micro-ciclone? Perfetto, ci siamo. Fissateli intensamente, lasciatevi incantare/ipnotizzare dallo sguardo stellato dell’Obliquomo ed immergetevi in quel “non-luogo immaginario situato ai confini  più remoti del pensiero umano”.
Personaggio asimmetrico e sbilenco, nato da sequenziali sovrapposizioni creative, l’Obliquomo abita/anima un mondo popolato di figure metamorfiche d’escher-iana memoria, di pietre nasute, di casualità pianificate.
Sergio Ponchione, raffinato autore astigiano dall’inventiva tracimante, ci regala un libro a fumetti geniale e spassoso (memorabile la caduta di Humpty Dumpty), ricco di citazioni/riferimenti cinematofumettistiletterario-artistici, che, attraverso i mille volti dell’Obliquomo, sfiora questi-oni quali senso dell’arte, tempo/clessidra creatrice di paesaggi in divenire, memoria, solitudine/pazzia e questi-oncine domestico-organizzative attinenti coppia normodotata.
Munitevi quindi di lente d’ingrandimento per potervi leccare le pupille e gustare al meglio ogni singolo centimetro quadrato di questo piccolo capolavoro patafisico, che pata fisico ma non è, e lasciatevi psicoinfettare da alterazioni oblique e verità diagonali.
Bene. Che l’Obliquomo ci/vi preservi dalla tondeggiante normalità, ora e per sempre, nelle crepe dei secoli.  Amen[za].

In ultimis, giusto per mettere i puntini di fianco alle i: Sergio Ponchione è l’autore, “Obliquomo” il prodotto (o viceversa…), Coconino Press la “casina stortina” editrice, 13 euro il risibile prezzo

Voto: 9