No More Fear

Tour Report


NO MORE FEAR
-keeping the hardcore spirit alive!-

 

Newsletter V  – May 2003

***********************************************************************************

For English version scroll down!!

***********************************************************************************


1) Introduzione

2) New T-shirt
3
) Tour Report:  Mini Tour Europeo (19-27 aprile)


***********************************************************************************

 

1) INTRODUZIONE

 

Rieccoci qua….scusate se questa mail e’ un po’ piu’ pesante del solito ma le cose da dire erano davvero tante.

Stiamo ri-organizzando la mailing list per evitare di mandare e-mail doppie e dalla prossima newsletter cercheremo di farvi arrivare solo l’edizione italiana delle news.

Altro da dire non c’e.

Buona lettura!

Ah…il sito e’ sempre quello: www.nomorefear.tv

************************************************************************************************

2) T-SHIRT

 

Sono disponibili le nuove t-shirt. Per ora ci sono solo nere con la scritta davanti grossa:  NO MORE FEAR (e piu’ in piccolo sotto) keeping the hardcore spirit alive!

Una cosa simile insomma:


NO MORE FEAR

keeping the hardcore spirit alive!

 

Le taglie disponibili sono S,M,L,XL

Il prezzo e’ di 10 euro spese postali incluse.

Farevi sentire.

 

************************************************************************************************

3) TOUR REPORT

 

SABATO 19.04 -Budapest @ Rocktogon Club

Tutto pronto! Gli ampli messi a nuovo, gli strumenti ben lucidati, la distro e le t-shirt che roccambolescamente siamo riusciti a farci stampare. Voglia di suonare a 1000!! Appuntamento ore 11:00 a casa del Bresa per caricare e poi via diretti verso Budapest!

Sul furgone siamo noi cinque NMF piu’ Pandoro -che ci affitta il furgone- e Fabrizio-veganwarrior da Manduria-

Per una palla o per l’altra non si parte prima della  01:30.

Dopo una notte di viaggio intorno alle 4 del pomeriggio arriviamo in centro a Budapest dove avevamo appuntamento con i ragazzi degli Hold X True.

Il tempo di mettere qualcosa sotto i denti( un’ottimo vegan goulash) e subito andiamo al Rocktogon.

Il posto e’ in pieno centro a Budapest, e’ il classico posto per un concerto hc: palco basso,non troppo grosso…non so perche’, ma il fatto che sia nel semi-interrato mi fa ricordare il vecchio Laboratorio Anarchico di Milano.

Venendo al concerto: prima di noi suonano New Fight (new school) e i padroni di casa Hold X True. Purtroppo non

so dire granche’ del loro concerto in quanto durante lo stesso ero febbricitante e addormentato dietro alla nostra distro….pero’ a giudicare dall’odore di sudore che c’era nella sala del concerto credo che abbiano spaccato entrambi! Se vi va fatevi un giro sul sito degli Hold X true: http://www.holdxtrue.hardcore.hu

Intorno alle 21:30, dopo New fight e hold x True cominciamo: BELIEVING-PUPPET-ALONE IN THE CROWD…e cosi’ via…..i pezzi filano uno dopo l’altro che senza neanche accorgerci ci troviamo a suonare la nostra solita sigla finale( Young till i die  NDA). Fortunatamente i ragazzi del pubblico ci hanno chiesto un bel po’ di bis cosi’ da farci spegnere gli ampli decisamente soddisfatti!

E’ stato infatti un gran bel concerto, forse il migliore di tutto il tour,circa 200 kids (180 paganti) , o meglio circa 200 persone tra ragazzi  e ragazze (ripeto: RAGAZZE….specie assai rara nei pit italiani..), atmosfera decisamente positiva, tante X sulle mani, tanti cori sulle cover,degenero su New Direction,tanta voglia di divertirsi, stage diving e circle pit dall’inizio alla fine….insomma un concerto hardcore cosi’ come dovrebbe sempre essere!

 

 

DOMENICA 20.04– Hradec Kralove @ El Diablo Club

Dopo aver passato la notte a casa di Egy- Cantante degli Hold X True- (grazie), ci mettiamo in viaggio verso Hradec Kralove, seconda tappa. Un totale di 600 km con 2 frontiere di mezzo (ungaro slovacca e slovacco-ceca).

E qui viene il bello. Arrivati alla prima frontiera, consegniamo, come di norma i passaporti, spiegando i motivi del nostro passaggio. Dopo qualche scambio di battute i due frontalieri ci chiedono le ricevute degli strumenti musicali…si.. avete capito bene…per farci passare volevano che gli mostrassimo gli scontrini delle nostre chitarre.

Ora, la mia chiatarra posso essermela costruita da solo piuttosto che averla ricevuta in regalo!!

Vabbeh’…tentiamo di fare anche i simpatici…tiriamo fuori un cd, per dimostrargli che andiamo a suonare e loro, dopo una rapida occhiata cominciano a ridacchiare :” ah….cocaine..eroine!! ” e altre cazzate di sto’

tipo… boh’…..sinceramente non trovo il nesso tra uno che salta con una chitarra e simili merdate pero’ vabbeh’….siamo gia’ in ritardo e tiriamo avanti, puntando verso la successiva frontiera.

Qui stessa scena…dove, ormai avendo capito il loro grado di intelligenza, non giochiamo piu’ la carta cd, ma con un bel vaffanculo facciamo inversione riprendendo il nostro cammino.

A furia di tornare indietro , rientriamo in Austria dove nel giro di 10 minuti prendiamo anche 2 multe per eccesso di velocita’; a questo punto giungiamo alla frontiera Austro-Ceca, mostriamo i passaporti, ci squadrano come sempre e ci spiegano che non possiamo passare perche’ abbiamo il parabrezza scheggiato! Per passare dovremmo pagare una penale di 1500 euro!!! Dopo aver ascoltato le nostre proteste senza troppi preamboli ci dicono che se gli diamo 20 euro ci fanno passare altrimenti possiamo ritornarcene a casa! Pagata anche la tangente a questi infami, giungiamo verso le 21:00 a El Diablo Club dove il buon Petan (il nostro contatto del posto) ci dava ormai per dispersi. Non abbiamo neanche il tempo di mangiare, montiamo subito il palco e comincia la serata.

Gli altri gruppi sono un gruppo crust – Hiroshima -…di crust e grind non ne capisco molto quindi non mi sbilancio a dare giudizi e Friendship Forever la band del nostro amico Petan; punk hc emo a due voci molto apprezzabile.(sito: http://friendshipforever.czechcore.cz/ )

Infine tocca a noi. La gente e ‘ veramente grandiosa! Nonostante il rocambolesco viaggio, noi cerchiamo di dare il meglio di noi  e la gente reagisce molto positivamente con stage, mosh e circle pit e tutte quelle belle cose che ti fanno contento quando suoni hardcore!

Nota positiva: sul soffitto lungo il limite del palco e lungo tutta la sua larghezza correva una sbarra di acciaio dove la gente si arrampicava  per poi buttarsi nel pit……grandioso!

Seconda data del tour e secondo bella serata!!! Andiamo avanti. 

 

 

LUNEDI 21.04– Praga @ 007 Club

Dopo esserci salutati con Petan e Teresa ci mettiamo in viaggio verso Praga, 150 km piu’ a sud di Hradec.

I ragazzi di Hradec ci avevano detto che lo 007 e’ il locale piu’ famoso per suonare hc in tutta la repubblica ceca…ci hanno suonato gruppi del calibro di  S.O.I.A., Refused e cosi’ via…

Con nostra grande sorpresa il posto e’ molto piccolo, il palco alto 30 cm….insomma ideale per per un bel concerto hc! 

Purtroppo, veniamo a sapere che i Leiah, con cui avremmo dovuto suonare hanno dovuto annullare il loro tour all’ultimo momento!!

La serata comincia con i Balaclava, gruppo emo-punk di Praga.Buona presenza sul palco, pezzi grintosi…insomma alla fine qualcuno di noi gli ha anche  comprato il cd perche’ lo meritavano davvero!

Vabbeh….intorno alle 21:30 cominciamo a suonare….il pubblico, una 50ina di kids partecipa alle canzoni e ci regala una buona dose di stage diving e singalong.

Da notare che il soffitto sopra il palco era alto poco piu’ di due metri quindi bisognava stare molto attenti a fare i tamarri mentre suonavamo per evitare di andare a sbattarci la testa!!!!( cosa tra l’altro accaduta!)

Dopo il concerto andiamo a dormire a casa di un ragazzo del posto e dopo un’altro fantastico goulash vegan ce ne andiamo, sfiniti, a dormire.

Un particolare saluto al ragazzo Italiano (non mi ricordo il nome sorry!!) che e’ venuto a vederci!!

 

MARTEDI 22.04- Berlino @ K17

Fortunatamente alla frontiera per uscire dalla Repubblica Ceca non ci fanno piu’ storie e cosi’ ci troviamo in Germania.

Dopo esserci come al solito persi, arriviamo al K 17 che non e’ nient’altro che un Palazzo di 5 piani interamente dedicato alla musica live. Sale concerti ai primi piani e camere per le bands ai piani alti….veramente cool!

Il locale e’ veramente organizzato e molto professionale dal punto di vista tecnico e fonico. Spiace dirlo ma difficilmente in Italia ti lasciano organizzare date hardcore (non di gruppi americani) in posti simili!

Vabbeh’..polemiche a parte…dopo un band punk locale che non ho seguito granche’ e dopo un’ altra band hc (HatexxxEdge) saliamo sul palco. Gran bel palco, suoni belli, parecchia gente. La nostra “performance” e’ stata buona, la reazione del pubblico gelida.Eh gia’…..eccezion fatta per un paio di ragazzi, il resto della gente ( un’ 80ina di persone) e’ rimasta praticamente immobile per tutto lo show…..veramente strano se si considera che e’ stato la serata in cui poi abbiamo venduto piu’ merchandising in assoluto….mah!

 

MERCOLEDI 23.04 –  Chemnitz @ Crasspub

Arriviamo puntualissimi allo squat (legale) dove avremmo dovuto suonare e dopo 4 chiacchere con i ragazzi del posto scopriamo che a 500 metri di distanza dallo squat (giuro non di piu!!) la stessa sera suonano i Poison the well……la nostra solita sfiga che pensavamo avere lasciato in Italia, invece eccola qua!

Prima di noi suonano 3 gruppi: il primo francese (non ricordo il nome) che suonavano una sorta di Indie rock( non male ), il secondo italiano (Shocking Treatment) che si definiscono hc ma che io assocerei piu’ alle sonorita’ indie/post core e che non riscontrano il nostro gusto, il terzo, un gruppo di Amburgo (Zeroid) che mi ricordano di brutto i Neurosis. Direi che loro sono stati quelli che piu’ mi sono piaciuti..peccato che i suoni facessero un po’ cacare!

Noi suoniamo a tarda notte, siamo stanchi ma cio’ non ci impedisce di fare un paio’ di bis che ci vengono richiesti.

Dopo il concerto decidiamo di metterci in viaggio subito per Lipsia.

Piccola nota post concerto: quando siamo usciti dal cancello dello squat per dirigerci verso l’autostrada, una macchina della polizia si e’ messa a seguirci, per poi immediatamente fermarci. Dopo che hanno fatto la prova del palloncino a Pandoro ( negativo) ci hanno chiesto cosa facessimo  al Crasspub. Quando la poliziotta ha sentito che avevamo appena suonato e che facevamo hardcore subito ha esclamato:” ah….you are straigh edge!!”…cazzo spettacolo! Dall’emozione le abbiamo regalato un cd..se lo e’  meritato!

 

GIOVEDI 24.04 – Lipsia @ Giezer 16

Data la vicinanza con Chemnitz, arriviamo a Lipsia in mattinata e ci rechiamo subito al Giezer 16, storico squat, ora legale, di Lipsia.

Quella sera sarebbe cominciata una 3 giorni di festa del Giezer, una sorta di festival di musica, cinema, teatro, cultura che ogni anno si ripete. Dato che fervevano i preparativi per la 3 giorni  e dato che era -strano a dirsi- incredibilmente presto andiamo alla ricerca di una pizzeria + giro turistico per la citta’.

Dopo una pizza pessima e dopo aver apprezzato le bellezze di Lipsia :-)’ torniamo al G 16, montiamo il palco, facciamo il soundcheck e tutte le solite cose…..

Intorno alle 23:00, cominciamo a suonare; piccola nota sul pubblico: c’erano piu’ di 150 persone….punk, kids, sXe, tutti insieme  a guardarsi il concerto a ballare e a divertirsi…sarei troppo retorico a piazzarci un bel UNITY!!??

Lo show e’ stato molto apprezzato (nonostante svariati inconvenienti tecnici: un ampli di chitarra che ha deciso di non funzionare piu’ a meta’ scaletta e la tracolla del Bresa che si e’ spezzata in due..) ……e a furia di sentirci richiedere ancora canzoni abbiamo dovuto rifare la scaletta praticamente 2 volte-cover comprese-….. e’ sicuramente stato il concerto piu’ lungo della storia dei No More Fear!! 

Dopo il concerto la serata e’ degenerata nella “discoteca” del G 16. Dan rompe il ghiaccio sfoggiando le sue doti di ballerino provetto, seguito da Fabrizio e poi da tutti noi ( tranne un paio di timidoni!!). Il dj scalda la folla con un repertorio di musica anni 80 e a meta’ nottata, un gruppo di punk uscito direttamente dall’album dei Clash  vedendo che stavamo per addormentarci sul divanetto,comincia ad urlarci ” This is for you..this is for you!!”…e improvvisamente il dj mette un vinile vecchissimo di Celentano……..serata indimenticabile!!!

Nel frattempo la notte e’ passata (la seconda senza dormire) e il tempo di salutare gli amici del G 16 risaliamo sul furgone in direzione di Siegburg (vicino Colonia)

 

VENERDI 25.04 – Siegburg @ SJZ

Dopo una breve sosta a Colonia per una sistemata ad una chittarra arriviamo al SJZ…..bel posticino, bel palco, bella struttura…insomma siamo speranzosi per un’altra bella serata!

Finche’, parlando con il ragazzo dietro al banco del bar veniamo a sapere che si erano ricordati del concerto solo pochi giorni prima e che quindi non avevano fatto pubblicita’ alla serata……c’e’ una prima volta per tutto: anche di un locale che si dimentica di te che arrivi dall’Italia per suonare….

Venendo al concerto….dopo 2 notti in bianco non credo sia stata la nostra migliore esibizione; il pubblico (pochi ma buoni) ha comunque apprezzato e  non ha mancato di chiederci il solito bis!

Prima di noi hanno suonato un gruppo punk rock di Bonn (morning wood)…molto giovani ma che sanno gia’ tenere il palco come si deve. Anzi..si meritano anche un po’ di pubblicita’ quindi andate a vedervi il loro sito: www.morning-wood.de

Dopo il concerto siamo andati a casa del ragazzo che gestisce il locale dove c’era pronta la nostra stanza per la notte! Finalmente si dorme!

 

SABATO 26.04 – Dresda @ Thrillbeat Club

Arriviamo a Dresda intorno alle 18:00, solito copione: soundcheck, cena, distro……siamo talmente abituati che pero’ gia’ sappiamo che ci manchera’ tutto questo.

Intorno alle 22:00 cominciamo, il locale e’ strapieno…si parla di piu di 230 paganti….e’ un vero piacere vedere come si riempono i locali per i concerti hc in questi posti!!

Il concerto fila liscio dal primo all’ultimo pezzo. Il pubblico sembra apprezzare, alla partecipazione sembra che preferisca ascoltarci, dato che la maggior parte di loro non ci ha mai visti prima, il che viene confermato dal merchandising che poi vendiamo alla grande ( anche questo e’ supportare una band!)

Dopo di noi suonano i Full Speed Ahead gruppo di lipsia, molto conosciuto da quelle parti che infiammano il pit con il loro sound decisamente molto Mad Ball style.Anche loro si meritano i complimenti e se vi va fatevi un giro sul loro sito: www.fullspeedahead.de

Dopo il concerto, smontiamo  e andiamo nell’appartamento riservato alle band a pochi isolati di distanza.

 

DOMENICA 27.04 – FURGONE ( commenti, peniseri)

 

C’e’ chi su 15 ore di furgone se ne e’ fatte 10 dormendo, c’e’ chi cerca di scoprire come riuscire a vivere senza andare al lavoro (soprattutto il giorno dopo) c’e’ chi ripensa ai momenti migliori del tour, c’e’ chi gia’ sta pensando alla prossima trasferta e c’e’ anche chi ha un occhio nero….

Siamo tutti stanchissimi ma SODDISFATTI.

Ripensiamo al calore rivevuto dai ragazzi conosciuti ai concerti e per strada, a quanti di questi ci hanno ospitato in casa loro trattandoci come amici di vecchia data, preparando cene e colazioni per 7 perfetti sconosciuti. Ripensiamo a come sia piu’ facile fare un buon concerto in questi paesi, dove la maggior parte delle persone va ancora ai concerti per ballare e divertirsi e non solo per sfoggiare la maglietta che fa tanto figo!

Ci sarebbero un milione di ringraziamenti da fare che rimando alla versione inglese dato che sono indirizzati a ragazzi stranieri.

In queste righe ringraziamo pero’  di cuore  i nostri due amici e compagni di viaggio Fabrizio e Pandoro che ci hanno aiutato affinche’ tutto funzionasse alla perfezione e che prenotiamo per tutti i nostri tour futuri….intesi?

Come No More Fear, intesi come 5 persone che condividono la stessa passione per l’hardcore, siamo sicuramente cresciuti. Abbiamo avuto modo di conoscerci meglio e le emozioni e le situazioni condivise hanno contribuito a formare o a rinsaldare quel rapporto indispensabile per salire su un palco e cantare: we are No More Fear and we stay here with pride!

Alla prossima.