Eloisa Manera Ensemble ‘Invisible Cities’

(Aut Records 2016)

Opera saettante quella della
violinista/improvvisatrice/compositrice italospagnola Eloisa
Manera
.
Che sfoggia un fresco tiro spiazzante e sbarazzino, a
botte di funk ossuto, insiemi astrali in tiro Arkestra (Cities
e Exchanges
), polveri e serci di tradizione popolare (remiscelata
in strobo spesso cubista), inneschi lunari, ciondolamenti post RIO
manco fossero dei Remote Viewers (Cities e The Dead),
una nervosa propensione soundtrack (Cities e The Dead).
Qualche
grammo di consuetudine jazz-rock da segar negli angoli ma ci
siamo.
In splendida compagnia oltre l’autrice di: Gianluca
Barbaro
, Piero Bittolo Bon, Andrea Baronchelli,
Pasquale Mirra, Danilo Gallo, Ferdinando Faraò,
Roberto Zanisi, Walter “Bonnot”
Buonanno
.
Un’alternanza ben congegnata di duetti impro e
settetti con “Le Città Invisibili” di Calvino
ad ispirar le braci nel
coppino.
Visione plausibile e contemporanea di epidermica
satisfaction.

Voto: 7

Link correlati:Aut Records Home Page